I 20 calciatori più cattivi di sempre secondo il Daily Mail I 20 calciatori più cattivi di sempre secondo il Daily Mail
Stilare classifiche e listoni è sempre impresa complicata, e quasi sempre si finisce per scontentare qualcuno. Di tanto in tanto, qualche ardimentoso prova a... I 20 calciatori più cattivi di sempre secondo il Daily Mail

Stilare classifiche e listoni è sempre impresa complicata, e quasi sempre si finisce per scontentare qualcuno.

Di tanto in tanto, qualche ardimentoso prova a cimentarsi in imprese del genere: il Daily Mail, giornale inglese, in questi giorni si è lanciato, e ha buttato giù la lista dei 20 calciatori più cattivi di sempre.

Ma nemmeno loro sono stati così temerari, a dire il vero: perché i 20 prescelti non sono stati inseriti in una vera e propria classifica, quanto in una lista senza un ordine preciso.

Ecco, comunque, quali sono i 20 calciatori più cattivi di sempre secondo gli inglesi.

Hristo Stoichkov

Il Pallone d’Oro bulgaro, tra i cattivi? Certo, visto che Hristo ha spesso dato prova del suo carattere abbastanza focoso, tra squalifiche (in Spagna una volta salì sui piedi di un arbitro, rifiutandosi di scendere) e polemiche con chiunque.

Andoni Goikoetxea

Per il “macellaio di Bilbao” non servirebbero ulteriori spiegazioni. Uno dei calciatori più temuti degli anni ’80, soprattutto dagli avversari. Per informazioni, chiedere a Diego Armando Maradona, che ai tempi del Barcellona incrociò il basco, dando vita a una delle risse più spettacolari e pesanti della storia del calcio.

Gennaro Gattuso

Un po’ di orgoglio italiano: l’allenatore del Milan, di motivi per finire in questa lista, ne ha dati a sufficienza nel corso della sua carriera. Anche se noi, più che cattivo, lo avremmo messo tra quelli grintosi, visto che il buon Ringhio, sotto sotto, ha un cuore tenero…

Patrick Vieira

Sui campi di Premier League la vita era dura, quando c’era Patrick Vieira. E infatti proprio sui campi d’Inghilterra sono rimaste famose le sue continue litigate con Roy Keane e gli altri balordi di quel leggendario Manchester United. Visto anche in Italia, dove però, nonostante tutto, è rimasto molto più sotto controllo.

Zlatan Ibrahimovic

Non sarà un bandito come tanti altri, ma se Zltan Ibrahimovic si arrabbia, noi non vorremmo comunque averci a che fare. Motivazione più che sufficiente per fargli guadagnare un posto in questa lista, secondo gli amici del Daily Mail

Marco Materazzi

Soprattutto all’estero, la reputazione di Marco Materazzi è quella del calciatore duro, cattivo e abituato agli interventi pesanti. Il difensore italiano, in ogni caso, può tranquillamente essere considerato un autorevole candidato a questa lista, e per noi è comunque un orgoglio.

Claudio Gentile

Per informazioni, chiedere ancora una volta a Diego Armando Maradona. In un calcio radicalmente diverso da quello odierno, passare 90 minuti in compagnia di Claudio Gentile e della sua marcatura a uomo potevano tranquillamente diventare un incubo.

Marco Tardelli

Altro giro, altro italiano: secondo gli inglesi, il motivo principale per la sua inclusione in questa lista è una delle sue giocate più famose, il tackle su Gianni Rivera a circa 3 secondi dal fischio di inizio in uno Juventus-Milan della stagione 1978-79.

Paolo Montero

Di Paolo Montero non dobbiamo dirvi nulla, se non che lo porteremmo con noi in tutti i più malfamati quartieri del mondo a caccia di guai. Figuriamoci se ci mettiamo a fare questioni per la sua inclusione nella lista dei calciatori più cattivi di sempre.

Nigel De Jong

Un altro campione della delinquenza, un altro dei nostri calciatori preferiti: un altro con cui andremmo a cercare guai dappertutto, soprattutto su un campo di calcio. Il suo intervento su Xabi Alonso nella finale dei Mondiali 2010 è leggenda pura.

Eric Cantona

Semplicemente, il Re. Personalità da vendere, pure troppa. Rabbia e cattiveria agonistica, talento troppo spesso frenato da una testa un po’ troppo calda. Ma a Eric Cantona è davvero impossibile non volere un gran bene, dai.

Tomas Repka

Perché mettere Repka in questa lista? Basta dire che non ha avuto paura di andare muso a muso con Edgar Davids. Per noi, va bene così.

Miguel Angel Nadal

Ai più giovani sarà noto come lo zio di Rafa Nadal, ma ai tempi del Barcellona di Romario, Guardiola e Laudrup, là dietro c’era il buon Nadal a randellare a destra e a manca. E prendere questioni con lui non era mai una buona idea.

Trifon Ivanov

La buonanima di Trifon Ivanov ci manca già parecchio: simbolo di un calcio forse sparito per sempre, il difensore bulgaro è stato il simbolo di un’intera generazione, di uomini duri senza paura.

Pablo Alfaro

Diciotto cartellini rossi in carriera nella Liga, dove falciava quasi tutto quello che gli capitava a tiro. Onesto.

Cyril Rool

Per Cyril Rool parlano i numeri: 186 cartellini gialli ricevuti in carriera, 25 cartellini rossi. E se i numeri non parlano abbastanza, godetevi questo video, va.

Romeo Benetti

A quanto pare, gli inglesi hanno davvero una predilezione per gli italiani, visto che nella loro lista dei più cattivi di sempre ci infilano anche Romeo Benetti, che però, in effetti, in carriera qualche cosina per guadagnarsi l’inclusione in questa classifica dovrebbe averla fatta.

Pasquale Bruno

No, davvero, quanta Italia c’è? Ma, non ci fosse stato Pasquale Bruno, a questo giro ci saremmo offesi noi, altrochè.

Pepe

Ultimamente sembra essersi un po’ calmato, ma con Pepe non si sa mai, tocca rimanere sempre in guardia. Di sicuro, i primi anni al Real Madrid, quelli della scapocciata facile e frequente, saranno forse irripetibili…

Migueli

Giocatore del Barcellona a cavallo tra gli anni ’70 e ’80, vi lasciamo dicendovi solo il suo soprannome: Tarzan.

Penso che dovremmo essere a posto così.