I 10 calciatori più sottovalutati della Serie A I 10 calciatori più sottovalutati della Serie A
Non è mai facile stilare delle classifiche, figuriamoci poi stilare una classifica del genere. Ma stamattina vogliamo correre il rischio, e provare a fare... I 10 calciatori più sottovalutati della Serie A

Non è mai facile stilare delle classifiche, figuriamoci poi stilare una classifica del genere.

Ma stamattina vogliamo correre il rischio, e provare a fare questo lavoraccio: cercare i 10 calciatori più sottovalutati della Serie A, quelli fondamentali per le loro squadre e che hanno un forte impatto sul campionato, ma che raramente finiscono nel gotha degli eletti.

Insomma, un po’ un modo per ridare importanza a dei calciatori che spesso passano sotto traccia.

Prendetela per quella che è, e soprattutto sentitevi liberi di integrarla nei commenti ai vari post sui nostri social network: ecco a voi, quindi, i 10 calciatori più sottovalutati della Serie A, naturalmente in ordine sparso.

Manuel Lazzari – SPAL

La stagione della SPAL non è propriamente fortunata, con la squadra ferrarese invischiata nella zona calda nonostante prestazioni che si possono definire sufficienti. E uno dei protagonisti di questa stagione è sicuramente Manuel Lazzari, il cui nome non ricorre spesso tra quelli dei talenti italiani, ma che sta dimostrando di essere un giocatore di sicuro interesse. Corsa, spinta, piede buono: a noi Lazzari piace tantissimo, e riteniamo si parli troppo poco di lui.

Embed from Getty Images

Allan – Napoli

Intendiamoci, non stiamo dicendo che in giro per l’Italia ci sono dei pazzi che sostengono che Allan sia scarso. Semplicemente, riteniamo che sia sottovalutato nella misura in cui il suo nome raramente viene fuori nei discorsi sui centrocampisti top in Serie A in Europa: e invece le prestazioni del motorino del Napoli, almeno in questa stagione, valgono proprio quei posti lì, secondo noi.

Karol Linetty – Sampdoria

L’esplosione, quest’anno, di Torreira e le buone prestazioni di Praet, hanno fatto passare un po’ in secondo piano il rendimento di un altro centrocampista blucerchiato, vale a dire il polacco Karol Linetty. Che, per questo, merita di finire in questo nostro classificone.

Embed from Getty Images

Iago Falque – Torino

Sono già 9 i gol di Iago Falque in questo campionato – travagliato per il cambio di allenatore del Torino – e forse non gli è stato tributato il giusto merito. Forse colpa anche di qualche equivoco sulla sua valutazione e di qualche errore di troppo, che però non dovrebbero inficiare la valutazione complessiva del giocatore.

Danilo D’Ambrosio – Inter

Troppo spesso bistrattato da stampa e tifosi interisti – forse esasperati anche da altre situazioni – D’Ambrosio può tranquillamente essere inserito in questa lista. Non sarà un fenomeno, e non sarà il terzino più forte della Serie A, ma di sicuro vale molto di più di quanto è stato detto in tutti questi anni, probabilmente in maniera un po’ ingiusta.

Embed from Getty Images

Alessio Cragno – Cagliari

Anche qui: non che Cragno sia considerato scarso da qualcuno. Semplicemente, quando si tirano fuori i nomi dei giovani portieri italiani più interessanti, quello di Cragno ricorre meno spesso di altri, e forse invece le prestazioni del portierino del Cagliari, oltre che le sue caratteristiche, sono degne di palcoscenici migliori. Insomma, vorremmo sentire più spesso accostato il nome di questo ragazzo a una big, almeno in periodo di calciomercato…

Bartosz Bereszynski – Sampdoria

Altro giro, altro blucerchiato, altro polaccone. Tra i terzini il nome di Bereszynski non è tra i più quotati (anche se ultimamente il rendimento pare un po’ calato, ma è fisiologico). La colpa, però, potrebbe essere anche del cognome impronunciabile e difficile da scrivere, vogliamo pensare che sia così.

Blaise Matuidi – Juventus

Ancora una volta, va fatta una precisazione. La sottovalutazione di Matuidi, in un certo senso, è relativa al suo arrivo in sordina a Torino, un arrivo passato quasi sotto traccia. E invece il centrocampista francese si è rivelato uno degli acquisti più azzeccati e soprattutto è diventato in breve tempo una pedina irrinunciabile per Allegri. E forse potrà essere ancora più chiaro in queste settimane che trascorrerà da infortunato lontano dal campo.

Embed from Getty Images

Ivan Radovanovic – Chievo

Un piccolo tributo a un calciatore che, da diversi anni, è pedina importante di un Chievo che, bene o male, riesce a fare sempre il suo lavoro. E Radovanovic, in fondo, è uno di quelli di cui si parla meno.

Andreas Cornelius – Atalanta

Chiudiamo con uno dei nostri preferiti: il Vichingo danese, che – fortuntamente – di recente sembra aver scalato posizioni e sembra essere apprezzato sempre più anche dal suo allenatore. Cornelius, in fondo, aveva dimostrato già il suo valore in ambito europeo, e per noi avrebbe tutte le carte in regola per essere uno dei centravanti più forti della Serie A. Ma noi, forse, siamo di parte.