Da sempre il periodo di Natale, per noi appassionati della Premier League, è visto come fonte di grande gioia, per le innumerevoli partite che...

Da sempre il periodo di Natale, per noi appassionati della Premier League, è visto come fonte di grande gioia, per le innumerevoli partite che possiamo gustarci sotto l’albero, tra un torrone e un pandoro, tra un’abbuffata e l’altra.

Ma, a quanto pare, non per tutti i protagonisti di questo giochino la faccenda è così divertente: in particolare, è stato l’e arbitro inglese Howard Webb (uno dei nostri preferiti da sempre, per il suo fare autoritario e per il suo aspetto altamente delinquenziale) a sollevare più di qualche dubbio riguardo il fatto che, in effetti, per molti calciatori della Premier giocare sotto le feste possa essere una vera e propria rottura di scatole.

Ospite dello studio prepartita della Champions League sul canale BT Sports, infatti, l’ex fischietto ha ammesso che in molti, in periodo natalizio, nelle vicinanze del Boxing Day gli chiedevano un particolare favore: quello di farsi ammonire (se diffidati, naturalmente) per saltare magari proprio le partite delle feste.

In un paio di occasioni, attorno al periodo di Natale, mi è capitato che, per poter avere del tempo libero, alcuni giocatori di Premier League mi abbiano detto che un cartellino giallo avrebbe fatto al caso loro e così facevano in modo di farsi ammonire facendo cose stupide, come trattenere un avversario o buttare via la palla“.

In molti, in Inghilterra, si sono indignati: altri, invece, hanno voluto immediatamente sapere i nomi dei calciatori che si sarebbero dedicati a queste pratiche. Chissà se verranno mai fuori, ma conoscendo Webb dobbiamo supporre che rimarremo con il dubbio a vita…