Guida agli Europei Under 21 Guida agli Europei Under 21
Chi lo ha detto che la stagione del grande calcio è già in vacanza? Manca ormai pochissimo all’inizio di uno degli appuntamenti più attesi... Guida agli Europei Under 21

Chi lo ha detto che la stagione del grande calcio è già in vacanza?

Manca ormai pochissimo all’inizio di uno degli appuntamenti più attesi dell’estate, vale a dire i Campionati Europei Under 21 in programma in Polonia dal 16 al 30 giugno.

Con la nostra Guida agli Europei Under 21, vogliamo portarvi all’interno della competizione: conosceremo insieme le squadre qualificate, i convocati di tutte le nazionali, date e orari delle partite, e i talenti da tenere d’occhio.

Andiamo allora a scoprire, gruppo per gruppo, tutto quello che c’è da sapere sui prossimi Europei Under 21.




Questi i 3 raggruppamenti in cui sono state divise le 12 partecipanti.

La formula è semplice: accedono alle semifinali le prime classificate di ognuno dei 3 gironi, oltre alla migliore delle tre seconde. Il primo gironcino, quindi, diventa a tutti gli effetti uno spareggio decisivo, da vincere a tutti i costi, rendendo la competizione accesa e infuocata già dai primissimi giorni.

Andiamo ora a vedere nel dettaglio i tre gruppi, gli orari delle partite e soprattutto i convocati di ogni squadra.

Gruppo A

Girone in cui il primo posto dovrebbe essere appannaggio dell’Inghilterra, che, seppur non tra le favoritissime, potrebbe dire la sua anche in chiave vittoria finale. I ragazzi inglesi, la cui nazionale Under 20 ha vinto i mondiali pochi giorni fa, possono contare su diversi giocatori già nel giro dei club di prima fascia (Redmond, Chalobah, Ward-Prowse).

La Polonia avrebbe potuto dire la sua, ma saranno pesantissime le assenze di Milik e Zielinski, a cui il Napoli ha negato il permesso di giocare la manifestazione in casa. Ma, giocando appunto in casa, vanno inseriti d’ufficio tra le squadre da tenere d’occhio. Nella Svezia potrebbe pesare l’assenza di Isak, ma occhio a Engvall e Cibicki.

Poche chance per la Slovacchia, che ha eliminato avversari di rango come l’Olanda e la Turchia nel percorso di qualificazione, ma che, a meno di sorprese, non dovrebbe passare il girone. La stella degli slovacchi sarà sicuramente, in ogni caso, László Bénes, in forza al Borussia Moenchengladbach.

Calendario:

Venerdì 16 giugno, ore 18: Svezia-Inghilterra
Venerdì 16 giugno, ore 20.45: Polonia-Slovacchia

Lunedì 19 giugno, ore 18: Slovacchia-Inghilterra
Lunedì 19 giugno, ore 20.45: Polonia-Svezia

Giovedì 22 giugno, ore 20.45: Slovacchia-Svezia
Giovedì 22 giugno, ore 20.45: Inghilterra-Polonia




Le rose:

Inghilterra

CT: Boothroyd

Portieri: Pickford, Gunn, Mitchell
Difensori: Holgate, Chilwell, Chambers, Stephens, Targett, Holding, Hause, Iorfa, Mawson
Centrocampisti: Chalobah, Gray, Ward-Prowse, Baker, Redmond, Swift, Hughes, Grealish
Attaccanti: Abraham, Murphy, Woodrow

Polonia

CT: Dorna

Portieri: Dragowski, Wrabel, Stryjek
Difensori: Bednarek, Jach, Szymiński, Jaroszyński, Kedziora, Lasicki
Centrocampisti: Bielik, Linetty, Murawski, Lipski, Francowski, Moneta, Kownacki, Dawidowicz, Niezgoda, Kapustka, Kubicki
Attaccanti: Stepinski, Piatek, Buksa

Slovacchia

CT: Hapal

Portieri: Chovan, Rodák, Jakubech
Difensori: Niňaj, Skriniar, Valjent, Huk, Satka, Mazan, Skovajsa, Vavro
Centrocampisti: Lobotka, Mihalik, Chrien, Rusnak, Spalek, Haraslin, Hromada, Bero, Benes
Attaccanti: Vestenicky, Zreľák, Safranko

Svezia

CT: Ericson

Portieri: Erlandsson, Cajtoft, Dahlberg
Difensori: Wahlqvist, Larsson, Nilsson, Ssewankambo, Dagerstål, Brorsson, Binaku
Centrocampisti: Lundqvist, Tibbling, Fransson, Olsson, Tankovic, Hallberg, Mrabti, Eliasson, Affane
Attaccanti: Strandberg, Engvall, Cibicki, Asoro

Gruppo B

La leadership del gruppo B sarà quasi sicuramente un affare a due, tra la Spagna e il Portogallo. Gli spagnoli potranno contare su una rosa di tutto rispetto, con un gran numero di giocatori già nel giro di grandi squadre e abituati a giocare partite di assoluto livello internazionale.

Gli spagnoli, tra i favoriti anche alla vittoria finale, non hanno certo bisogno di presentazioni: saranno i vari Asensio, Deulofeu, Saul, e Inaki Williams a guidare il gruppo delle Furie Rosse. Il Portogallo, secondo due anni fa, ha il suo punto di forza nel centrocampo: Renato Sanches, Bruno Fernandes e Ruben Neves.

Occhio alla Serbia: battuta solo dall’Italia nel percorso di qualificazione, non potrà contare su Milinkovic-Savic, fermato dalla Lazio. Le speranze dei serbi saranno affidate al tridente Živković-Djurdjević-Čavrić, ma attenzione anche alla stellina del Liverpool Grujic.

La Macedonia parte in ultima fila, ma, come ogni nazionale balcanica, sarà del tutto imprevedibile. Stella della squadra è il fantasista David Babunski, uscito dalla cantera del Barcellona e oggi in forza agli Yokohama F. Marinos in Giappone.

Calendario:

Sabato 17 giugno, ore 18: Portogallo-Serbia
Sabato 17 giugno, ore 20.45: Spagna-Macedonia

Martedì 20 giugno, ore 18: Serbia-Macedonia
Martedì 20 giugno, ore 20.45: Portogallo-Spagna

Venerdì 23 giugno, ore 20.45: Serbia-Spagna
Venerdì 23 giugno, ore 20.45: Portogallo-Macedonia

Le rose:

Macedonia

CT: Milevski

Portieri: Aleksovski, Siskovski,Iliс
Difensori: Popzlatanov, Musliu, Zajkov, Amanovic, Velkoski, Bejtulai, Demiri, Murati
Centrocampisti: Elmas, Bardi, Nikolov, Babunski, Avramovski, Markoski, Kostadinov, Gjorgjev
Attaccanti: Radeski, Petrovski, Angelov, Pivkovski

Portogallo

CT: Romeu António Soares De Almeida

Portieri: Varela, Silva, Pereira
Difensori: Cancelo, Iè, Figueiredo, Semedo, Rebocho, Fernando
Centrocampisti: Neves, Podence, Geraldes, Fernandes, Rodrigues, Sanches, Ramos, Bruma, Carvalho
Attaccanti: Paciencia, Medeiros, Guedes, Jota, Horta

Serbia

CT: Lalatović

Portieri: Manojlović, Nikolic, Milinkovic-Savic
Difensori: Gajic, Antonov, Milenkovic, Veljkovic, Pankov, Bogosavac, Jovanovic, Filipovic
Centrocampisti: Maksimovic, Gacinovic, Grujic, Zivkovic, Meleg, Lukic, Ristic, Plavsic
Attaccanti: Ozegovic, Djurdjevic, Cavric, Radonjic

Spagna

CT: Celades

Portieri: Arrizabalaga, Blanco, Pau
Difensori: Bellerin, Gayà, Merè, Vallejo, Odriozola, Jonny, Grimaldo, Alvarez
Centrocampisti: Ceballos, Deulofeu, Niguez, Suarez, Asensio, Merino, Oyarzabal, Soler, Llorente
Attaccanti: Mayoral, Ramirez, Williams

Gruppo C

È il gruppo degli azzurrini, quello che dovremo imparare a conoscere meglio. Dell’Italia, che già conosciamo bene, poco da aggiungere. Il talento è tanto, toccherà a Gigi Di Biagio amalgamarlo al meglio: mai come in questa edizione, i giovani azzurri arrivano con alle spalle esperienza importante, da protagonisti, in Serie A (e qualcuno anche in campo europeo).

L’avversario principale ha un nome ben preciso: la Germania, che è anche una delle candidate più autorevoli (secondo alcune la numero uno) per il successo finale. I tedeschi arrivano a questo europeo avendo vinto tutte e 10 le partite del girone di qualificazione, e potendo vantare il miglior attacco delle qualificazioni. La rosa a disposizione è ampia, basti pensare che diversi calciatori che potevano essere convocati per questo Europeo saranno invece a disposizione della Nazionale maggiore per la Confederations Cup. Tra i giovani tedeschi spicca senza ombra di dubbio il nome di Dahoud, ma occhio anche a Gnabry, fresco di trasferimento al Bayern, e a Jonathan Tah, leader della difesa.

L’altro avversario ostico per gli azzurrini sarà la Repubblica Ceca. Non pericolosa quanto la Germania, ma di sicuro un paio dei giovani cechi li conosciamo particolarmente bene: stiamo parlando di Patrik Schick, una delle stelle più attese del torneo e appena accasatosi alla Juventus, e Jakub Jankto, centrocampista classe 1996 che ha fatto benissimo con la maglia dell’Udinese.

Chiude il gironcino la Danimarca, il nostro primo avversario (contro cui sarà praticamente obbligatorio conquistare immediatamente 3 punti). I danesi hanno vinto il loro girone, che non era però irresistibile. Tra loro, spicca Marcus Ingvartsen, attaccante del Nordsjælland già convocato qualche volta in nazionale maggiore.




Calendario:

Domenica 18 giugno, ore 18: Germania-Rep. Ceca
Domenica 18 giugno, ore 20.45: Italia-Danimarca

Mercoledì 21 giugno, ore 18: Rep. Ceca-Italia
Mercoledì 21 giugno, ore 20.45: Germania-Danimarca

Sabato 24 giugno, ore 20.45: Rep. Ceca-Danimarca
Sabato 24 giugno, ore 20.45: Italia-Germania

Le rose:

Repubblica Ceca

CT: Lavicka

Portieri: Vejmola, Zima, Macej
Difensori: Simic, Mateju, Luftner, Stronati, Havel, Holzer, Kasa
Centrocampisti: Sacek, Soucek, Barak, Travnik, Jankto, Hubinek, Necas, Cerny, Sevcik, Hasek
Attaccanti: Julis, Chory, Schick

Danimarca

CT: Frederiksen

Portieri: Højbjerg, Hagelskjær, Iversen
Difensori: Holst, Maxsø, Banggaard, Blåbjerg, Nissen, Andersen, Pedersen, Rasmussen
Centrocampisti: Nørgaard, Hjulsager, Christensen, Nielsen, Jensen, Hansen, Børsting, Duelund
Attaccanti: Ingvartsen, Andersen, Zohore, Junker

Germania

Allenatore: Kuntz

Portieri: Schwäbe, Pollersbeck, Vlachodimos
Difensori: Toljan, Gerhardt, Tah, Stark, Jung, Klunter, Kempf, Kehrer
Centrocampisti: Meyer, Dahoud, Arnold, Gnabry, Weiser, Amiri, Oztunali, Kohr
Attaccanti: Selke, Platte, Haberer, Philipp

Italia

CT: Di Biagio

Portieri: Donnarumma, Cragno, Scuffet
Difensori: Calabria, Barreca, Rugani, Conti, Caldara, Biraschi, Ferrari, Murru
Centrocampisti: Cataldi, Pellegrini, Grassi, Benassi, Gagliardini, Locatelli
Attaccanti: Berardi, Cerri, Bernardeschi, Petagna, Garritano, Chiesa

Gli stadi:

Kielce Stadium, Kielce (Guppo A)
Lublin Stadium, Lublin (Gruppo A)
Gdynia Stadium, Gdynia (Gruppo B)
Bydgoszcz Stadium, Bydgoszcz (Gruppo B)
Tychy Stadium, Tychy (Gruppo C, semifinale 1)
Krakow Stadium, Krakow (Group C, semifinale 2, finale)