Continuiamo la presentazione dei raggruppamenti del Mondiale. E’ oggi il turno del Girone C e del Girone D, quello dell’Italia. Anche se l’Italia non...

Continuiamo la presentazione dei raggruppamenti del Mondiale. E’ oggi il turno del Girone C e del Girone D, quello dell’Italia. Anche se l’Italia non è che ci scaldi proprio il cuore…

Riassunto delle puntate precedenti:

Girone C: (Colombia, Grecia, Giappone, Costa D’Avorio)

Premessa: il vero delinquente qui è probabilmente quello che ha sorteggiato questo girone indegno. Passando a quello che ci interessa, ovvero la densità criminale del girone, una cosa balza subito all’occhio: metà dei convocati della Colombia avrebbero potuto rappresentare la loro nazione ai mondiali del narcotraffico, e nessuno avrebbe avuto nulla da ridire. Yepes, Zapata, Zuniga, Teofilone Gutierrez, Guarin, Bacca. Il 43enne Mondragon, con la sua faccia da psicopatico doc. Qua serve l’esercito, altro che arbitro. La Grecia potrà invece contare su un Panagiotis Konè che, amareggiato dalla retrocessione del suo Bologna, cercherà rivalsa sul campo e sulle tibia avversarie. La Costa d’Avorio allenata da Sabri Lamouchi (e già) non brillerà per delinquenza, ma, come arma tattica non disdegnerà qualche calcione educativo, nella persona di Tiotè o di Kolo Tourè magari. Il Giappone, per concludere. Vabbè, mica penserete che esistono i delinquenti in Giappone? Al massimo, si potrebbe incriminare Honda per aver fatto credere al mondo di essere un giocatore di pallone.

I 3 delinquenti da tenere d’occhio: Teofilo Gutierrez (Colombia), Yepes (Colombia), Konè (Grecia)

Delinquenzialità girone: stellastellastella

Girone D: (Italia, Uruguay, Inghilterra, Costa Rica)

Mettiamo subito ed immediatamente le cose in chiaro. La sola presenza dell’Italia in questo girone non ci obbliga a dirottare le nostre simpatie verso una squadra allenata da uno che aveva provato a mettere in pratica una cosa chiamata Codice Etico. L’etica come la intende Don Cesare non ci appartiene. Per quanto riguarda gli azzurri, noi speriamo sempre in un colpo di testa di Mario Balotelli (nel senso che speriamo perda le staffe, non altro) o in qualche alzata di gomito di Chiellini e De Rossi. Se il Cielo ci assiste, potremmo sperare anche in un embolo di Cassano.

Poi, ci sono quelli per cui dovremmo fare il tifo per davvero: l’Uruguay. Dai ragazzi, come si fa a non voler bene a una mediana Gargano-Arevalo Rios-Diego Perez? Se stanno bene, rischiano di toccare più caviglie che palloni in tutto il torneo. Il tutto condito dalla difesa guidata da Godin e Lugano e da un Suarez che però purtroppo rischia di saltarlo il mondiale. L’Inghilterra appare troppo tenera, ma confidiamo che possano saltare i nervi a uno tra Cahill e Jagielka, soprattutto quando giocheranno contro l’Uruguay. Chiude il girone il Costa Rica. Non li conosciamo, ma andiamo sulla fiducia: non avendo i piedi buoni, in qualche modo dovranno arrangiarsi. E noi speriamo che quel modo includa tante roncolate.

I 3 delinquenti da tenere d’occhio: Tutto il centrocampo (Uruguay), Chiellini (Italia), Suarez (Uruguay)

Delinquenzialità girone: stellastellastellastella

No comments so far.

Be first to leave comment below.

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *