C’erano buoni motivi per non far tirare il rigore a Higuain C’erano buoni motivi per non far tirare il rigore a Higuain
Doveva essere la notte di Gonzalo Higuain, e probabilmente è stata la notte di Gonzalo Higuain: ma di sicuro il centravanti argentino non se... C’erano buoni motivi per non far tirare il rigore a Higuain

Doveva essere la notte di Gonzalo Higuain, e probabilmente è stata la notte di Gonzalo Higuain: ma di sicuro il centravanti argentino non se la immaginava così la notte di San Siro.

Il numero nove del Milan, infatti, nel corso del primo tempo ha avuto l’opportunità di pareggiare i conti dal dischetto, dopo il fallo di mano di Benatia per il quale Mazzoleni ha concesso il penalty.

In verità sul dischetto si era presentato Kessiè, ma per Higuain quel pallone era troppo importante, e troppo importante era per lui segnare un gol alla Juventus, che in estate lo aveva “scaricato” dopo l’arrivo di Ronaldo.

Come in un film horror, però, Higuain si è fatto respingere il tiro da Szczesny, e la partita è rimasta sull’1-0 per la Juventus.

Ma dopo il raddoppio dei bianconeri, Higuain ha perso la testa e si è fatto espellere dopo aver rimediato il giallo, per proteste veementi e vigorose contro Mazzoleni.

Probabilmente, però, quel calcio di rigore non doveva essere tirato da lui, soprattutto perché i numeri non erano dalla sua parte. Quello di stasera infatti è stato il sesto rigore sbagliato in Serie A dal Pipita, dopo i quattro sbagliati con la maglia del Napoli (contro Chievo, Atalanta, Milan e Lazio) e uno con la Juventus (contro l’Udinese).

Sono dodici invece i rigori segnati da Higuain in serie A, per un totale di 12/18 che forse non era proprio il ruolino di marcia di uno specialista…

Related Posts