E’ tempo di aste del Fantacalcio, tempo di scelte difficili e di acquisti da fare, di strategie da pianificare e di litigi con gli...

E’ tempo di aste del Fantacalcio, tempo di scelte difficili e di acquisti da fare, di strategie da pianificare e di litigi con gli amici per portarsi a casa i pezzi pregiati. Ma, soprattutto, è tempo di studiare per organizzarsi al meglio e per evitare di mandare in vacca la stagione già ad agosto, con scelte avventate e con errori che mai pensavate possibili.

Uno dei maggiori pericoli di chi deve affrontare un’asta (soprattutto se decidete di non aspettare la chiusura del mercato come pure fanno in molti) è quello di finire a tirare a prezzi altissimi e a strapagare alcuni giocatori che, in fin dei conti, potrebbero rivelarsi una trappola. Per questo oggi abbiamo deciso di lanciarvi questo salvagente. Abbiamo accuratamente scelto, insieme ai nostri amici di FantaRisposte, quei giocatori che rischiate di strapagare, e che quindi potrebbero rivelarsi delle costose trappole.

Attenzione, chiarimento necessario: non sono bidoni, non sono giocatori che faranno schifo in assoluto (anche perché sfera di cristallo non ne possediamo). Sono semplicemente giocatori che, secondo i nostri calcoli, per vari motivi, rischiate di pagare più del dovuto rovinandovi così le strategie per il resto dell’asta. Insomma, guardate questi 11 giocatori e, se potete, cercate di stargli alla larga, almeno a certi prezzi.

Domande, perplessità, incertezze sulla stagione fantacalcistica? Rivolgetevi, senza indugio, a loro. Che noi, in questo modo, decliniamo anche ogni responsabilità.

Gonzalo Higuain

E’ l’attaccante senza dubbio più forte della Serie A ma ci sono tanti motivi per i quali non conviene spendere metà budget dell’asta su di lui. Per prima cosa l’ambiamento in un nuovo club rodato come la Juventus non è così scontato, la concorrenza è molto ampia così come il rischio turnover in vista della Champions, vero obiettivo stagionale dei bianconeri.

Il sovrappeso col quale si è presentato a Vinovo di certo non fa stare più tranquilli in questo senso (sebbene le ultime foto in arrivo dal campo di allenamento della Juve abbiano tranquillizzato anche i più agitati) il consiglio è dunque di divertirsi durante l’asta su di lui e magari fare qualche puntatina al rialzo per spolpare più crediti al malcapitato acquirente.

Occhio, però, che tra rialzare l’asta per farlo prendere a quel posto agli altri, e finire in mezzo e fare la figura del pollo è veramente un attimo. Pagare Higuain quanto mezza squadra (o forse tutta) è un rischio che noi, personalmente, non correremmo molto volentieri.

Bruno Peres

Quotato 15 nella lista Gazzetta, è a nostro avviso uno dei giocatori più insidiosi della Serie A in chiave fantacalcistica. Messosi in mostra per quel fenomenale goal con la Juventus (motivo per cui in sede d’asta si partirà da cifre astronomiche) e considerato successivamente un campione, visto che si credeva che sarebbe stato l’inizio di una lunga e luminosa carriera. Bruno Peres avrebbe potuto anche fare bene nel Torino, invece ha deciso di rovinarvi la vita andando a buttarsi nel calderone della difesa della Roma, in cui sono in 15 per 4 posti.

Ora che è nella Roma potrebbe giocare molto meno, vista la considerazione e la buona forma di Florenzi. In sede d’asta ci sarà sicuramente chi si svenerà per lui, trovandosi in squadra un flop. Il consiglio è di girare a largo e magari di consigliarlo agli avversari eliminando così la concorrenza per qualcuno di veramente promettente. Da veri infami.

Luis Muriel

E’ stato definito più volte il nuovo Ronaldo nei suoi primi anni di carriera ma del Fenomeno il colombiano ha solo la fragilità muscolare e la tendenza agli infortuni gravi. Ogni estate, complice il fisico non proprio possente, entra in condizione dopo due giorni di ritiro e nel precampionato brilla sempre per dinamismo e fiuto del gol.

Situazione drammatica per chi decide di fissare l’asta alla terza giornata, dopo la sosta per le nazionali. E’ ormai noto che Muriel concentra il 75% dei suoi gol nelle prime due giornate ma tu ogni anno pensi che sia l’anno buono e ci caschi portandotelo a casa per una cifra monstre. Classico anche il commento del gufo di turno: “Tanto si rompe tutto“.

Noi, a Luis Muriel, vogliamo bene, e ogni volta ci caschiamo, pensando che possa essere l’anno buono, l’anno in cui fa 30 gol e va al Barcellona per 50 milioni. Ecco, vedete di non fare come noi, e salvate il vostro benedetto Fantacalcio, stateci a sentire una volta tanto.

Caner Erkin

Il ruolo di terzino sinistro nell’Inter è talmente stregato che anche Roberto Carlos in maglia nerazzurra ha fatto la figura del brocco. Discorso analogo, più recentemente, per Santon che da enfant prodige si è rivelato una pippa clamorosa ed è tornato all’Inter dopo l’esperienza al Newcastle. A risolvere i problemi sulla corsia di sinistra è arrivato quest’estate Caner Erkin, da parametro zero e dopo un Europeo assai deludente con la sua Turchia.

Nei primi giorni di ritiro si era sparsa la voce di un suo addio immediato per far spazio ad un altro extracomunitario, poi smentita. Per questo e gli altri motivi vi consigliamo dunque di non puntare su di lui, molto meglio Ansaldi. Sempre se non si spacca ancora tutto, ovviamente.

Da prendere solo se cercate una divinità da associare al suo nome, per fare i simpatici durante l’asta e durante la consegna delle formazioni tutto l’anno. Ma se siete di quei personaggi che partecipano al Fantacalcio per fare i simpatici state alla larga che facciamo volare i ceffoni.

Edin Dzeko

Dzeko è stato sicuramente uno degli attaccanti più pagati della scorsa stagione fantacalcistica. I presupposti difatti erano ottimi: il centravanti bosniaco era considerato il centravanti ideale per il post Totti: stazza veramente imponente, tiro preciso e potente, colpo di testa impeccabile.

Ahimè se Totti sperava di andare in pensione anticipata dovrà aspettare un altro po’ perché le sue caratteristiche che ben ci hanno fatto gioire a Manchester le ha tenute ben nascoste, sbagliando gol che anche un ubriaco sarebbe stato in grado di fare. Magari era un trucco per presentarsi al via di questa stagione da underdog, chi lo sa.

Una delle frasi più ricorrenti di questi giorni è: “questo è l’anno di Dzeko, si riscatterà sicuramente.” Ecco, è proprio qui il trappolone, voi andrete sicuri che non potrà ripetere una stagione brutta come quella dello scorso anno, e lui vi punirà di nuovo. Sicuro.

Meglio puntare su altri del reparto offensivo della Roma.

Adem Ljajić – Iago Falque

In periodo di Olimpiadi, passiamo adesso a una specialità di coppia, il trappolone sincronizzato. Sinisa Mihajlovic, per il suo Torino, ha voluto fare scorta di talento là davanti. Per cui, a fare compagnia al Gallo Beloti sono arrivati due giocatori di assoluto livello, almeno per quelle che dovrebbero essere le ambizioni della squadra granata.

Adem Ljajić e Iago Falque saranno quasi sicuramente roba ambita in tutte le aste, visto che per loro natura sono giocatori molto predisposti a regalare bonus, e, per un motivo o per un altro, sono entrambi a caccia di riscatto. Attenzione, non stiamo dicendo di non puntare su di loro. Stiamo semplicemente dicendo che, sadicamente, qualcuno di voi dovrà fare una drammatica scelta. Puntare sul serbo oppure sullo spagnolo? Tragico dilemma.

Una legge universale del Fantacalcio vi punirà in questo modo: qualunque dei due sceglierete, sarà lui a fare una stagione da buttare nel secchio dell’indifferenziata, mentre l’altro, quello che avrete scartato, regalerà una stagione da almeno 10 gol e 8 assist. E’ naturale, è già scritto nelle stelle.

Dusan Basta

L’estate della Lazio non è stata delle più semplici e noi, in definitiva, come strategia generale non punteremmo molto sui giocatori biancocelesti. Dusan Basta, poi, è il classico specchietto nelle allodole, quel classico giocatore che il vostro amico bastardo lancia nell’asta con fare malandrino e poi voi, sprovveduti e ignari, ci cascate dentro con tutte le scarpe e vi portate a casa il pacco regalo che poi smadonnerete per il resto dell’anno.

Difensore, ma che spinge parecchio, vi ricordate che qualche tempo fa faceva anche qualche gol, buon piede per crossare: l’illusione e la promessa di tanti gustosi bonus è sempre dietro l’angolo, e Dusan Basta è lì, con il suo capello biondo, la sua chioma fluente, l’occhio vispo e la faccia d’angelo. Sembra dire soltanto: “Prendimi, sarò il tuo Alessandro Parisi”.

In realtà Basta lo eviteremmo come la peste, visto che non vi regalerà nulla di tutto questo: saranno solo votacci in pagella, panchine punitive e malus a profusione, visto che il ragazzo non si fa nemmeno mancare due o tre randellate al momento giusto. Fossimo in voi, onestamente, eviteremmo.

Kalidou Koulibaly

Scegliamo il buon Kalidou per diversi motivi. Uno, in realtà è in comune con tanti altri calciatori del nostro campionato, alcuni dei quali rischierete di pagare a peso d’oro dimenticandovi di questo piccolo ma importantissimo particolare. Si, Koulibaly e tanti altri, in inverno partiranno per la Coppa d’Africa, manifestazione di grandissimo interesse delinquenziale per le gioie che è in grado di riservarci, ma che per i fantacalcisti è quello che ad Oxford definiscono “un grandissimo dito nel deretano”.

Inoltre, noi su KK non punteremmo molto per svariati motivi: innanzitutto non siamo certi di come si comporterà il Napoli, se riuscirà a ripetere i fasti della scorsa stagione, e poi il difensore senegalese ha avuto più di qualche problema con ADL, con una lunga battaglia combattuta in questa rovente estate napoletana.

Insomma, il nostro timore è quello che Koulibaly possa ritornare l’impacciato difensore di due stagioni fa, quello che procurava sciagure in serie e, di conseguenza, votacci e malus per il vostro fantacalcio. Cercate alternative altrove, che oltre alla grossa sorpresa, Kalidou potrebbe avere in serbo per voi anche un trappolone di quelli grossi.

Domenico Berardi

Ogni anno dovrebbe essere quello della maturazione, dell’esplosione, della conferma. E così, armato di tanto coraggio e parecchia speranza, durante l’asta del Fantacalcio di quest’anno hai deciso di conservare una buona dose di crediti e investirli sul talentuoso e bizzoso attaccante del Sassuolo. Ecco, forse quei crediti faresti meglio a buttarli da un’altra parte.

Parliamoci chiaro: Berardi resta un buon investimento, ottimo per completare un reparto avanzato che già può contare su uomini affidabili. Aspettatevi giornate di gloria con magari tripletta e 9 in pagella (ovviamente arriverà nella giornata in cui il vostro avversario farà 43) ma aspettatevi anche le classiche espulsioni al 12′ e tre giornate di squalifica, che vi faranno rivolgere più e più volte lo sguardo al cielo, e non con fare benevolo.

Insomma, se volete puntare su Berardi fatelo, ma attenti a non finirci dentro con tutte le scarpe. Consiglio: arrivati a una certa cifra, mollatelo e fate gli auguri a chi se lo porterà a casa, che di fortuna e pazienza ne serviranno in abbondanza.

Ciro Immobile

L’acquisto di Ciro Immobile ha mosso qualcosa nelle corde del vostro cuore. Ricordate ancora con affetto quell’anno in cui, comprandolo magari per pochi spiccioli, ha contribuito a una meravigliosa e indimenticabile vittoria del campionato.

E quindi adesso, memori del passato, avete esultato come matti quando avete saputo che Claudione Lotito aveva aperto i cordoni della borsa per acquistare l’attaccante di Torre Annunziata, pregustando già di investire buona parte del vostro budget per gli attaccanti su di lui. Ecco, fate i bravi, rimettete a posto quei soldi che ora vi spieghiamo un po’ di cose.

La Lazio, quest’anno, vive una situazione abbastanza particolare, e, se le cose dovessero andare storte, il buon Ciro rischia di non vedersi arrivare nessun pallone giocabile, figuriamo se arriveranno palloni da buttare in rete. Poi magari fa 20 gol e voi venite a insultarci i parenti vivi, morti o x, ma questa è la vita, e noi ad oggi ci sentiamo di sconsigliarvi il ragazzo.

Tutto il Palermo

Signori, avete visto che aria tira a Palermo? Mezza squadra andata via, arrivata gente che non si sa che provenienza abbia, non si sa chi giocherà in porta, l’altra metà della squadra vuole scappare da questa gabbia di matti, il ds è già zompato e Ballardini non si sa quanto tempo durerà.

Ora, in tutto questo, con una squadra che molto probabilmente è la candidata più autorevole alla retrocessione senza passare dal via, voi ve la sentireste di puntare anche un solo credito su tutto il Palermo? Noi no, al massimo potremmo azzardare un timido “uno” quando il banditore tirerà fuori il nome di Oscar Hiljemark, ma certezze in rosanero ce ne sono veramente poche.

Poi sicuramente comprerete Nestorovski a 20 e verrete a uccellarci sbattendoci i suoi 15 gol prima di Natale in faccia, ma ad oggi una persona qualsiasi dotata di senno, sui giocatori del Palermo, in chiave Fantacalcistica, non ci punterebbe nulla.