Gianluca Mancini, l’ennesima scommessa vinta da Gasperini Gianluca Mancini, l’ennesima scommessa vinta da Gasperini
C’è un giovane difensore italiano che, nelle ultime giornate di Serie A, ha segnato per due giornate di fila, aiutando la sua squadra a... Gianluca Mancini, l’ennesima scommessa vinta da Gasperini

C’è un giovane difensore italiano che, nelle ultime giornate di Serie A, ha segnato per due giornate di fila, aiutando la sua squadra a conquistare i tre punti.

E no, non stiamo parlando di Alessio Romagnoli.

Caso vuole che, nelle ultime due giornate di campionato, anche Gianluca Mancini abbia trovato per due volte la via del gol, aggiungendoci anche un assist nella vittoria di settimana scorsa contro il Parma.

E così, non che ce ne fosse bisogno in realtà, abbiamo avuto l’ennesima conferma: Mancini è l’ennesima scommessa vinta da Gasperini e dall’Atalanta, l’ennesimo giovane su cui i nerazzurri hanno puntato e che, probabilmente già nei prossimi anni, vedremo vestire la maglia di una grande squadra.

E quando una storia si ripete con questa frequenza, probabilmente non è un caso.

Gianluca Mancini, difensore classe 1996, è arrivato a Bergamo nella scorsa stagione, e già lo scorso anno ha messo insieme 11 presenze, trovando anche il suo primo gol contro il Chievo, nella sfida del Febbraio 2018.

Quest’anno, con la partenza di Mattia Caldara, il suo impiego era evidentemente destinato ad aumentare, ma l’eliminazione ai preliminari di Europa League aveva limitato la rotazione degli uomini di Gasperini, che con l’impegno europeo sarebbe sicuramente stata maggiore.

Complice l’assenza di Masiello, però, Mancini ha poi trovato spazio, e ora sembra essere rapidamente diventato un punto fisso della difesa di Gasperini. Mancini è alto e fisicamente dotato (190 centimetri di altezza) ma questo non gli impedisce di avere un’ottima tecnica di base, e la capacità di impostare la manovra da dietro, tutte qualità perfette per il gioco del Gasp e per il sistema della Dea. Forse, anzi sicuramente, il frutto di una carriera iniziata da centrocampista, prima di essere spostato qualche metro indietro ai tempi della Primavera della Fiorentina.

In più, come dimostrato nelle ultime giornate, ha anche un discreto feeling con il gol, cosa che non guasta nella squadra che da qualche anno è sistematicamente quella che manda più in rete i suoi difensori.

Gianluca Mancini è cresciuto nel vivaio della Fiorentina, e si dice che Vincenzo Montella nutrisse particolare stima nei suoi confronti. Ma dopo il prestito a Perugia, nella stagione 2015/16, i Viola hanno lasciato che gli umbri lo riscattassero. Subito dopo è arrivata l’Atalanta, che pagandolo 300.000 euro a gennaio 2017 ha probabilmente fatto un affare, visto che, ad oggi, il ragazzo vale già parecchio di più.

A Bergamo l futuro, di questi tempi, è una cosa maledettamente seria: e Gianluca Mancini potrebbe essere soltanto l’ennesima conferma di quanto l’Atalanta abbia deciso di investire sul talento.

Valerio Nicastro
twitter: @valerionicastro