George Puscas, l’uomo che ha fatto volare le Streghe George Puscas, l’uomo che ha fatto volare le Streghe
E pensare che questi playoff potevano anche non giocarsi. Se non fosse stato per il gol di Ceravolo, al 93′ della penultima giornata del... George Puscas, l’uomo che ha fatto volare le Streghe

E pensare che questi playoff potevano anche non giocarsi.

Se non fosse stato per il gol di Ceravolo, al 93′ della penultima giornata del campionato, adesso magari il Frosinone starebbe festeggiando insieme alla SPAL e all’Hellas Verona.

E, da un certo punto di vista, è anche giusto così, è anche giusto che sia stato proprio il Benevento a chiudere il cerchio. I playoff li vince la squadra che ha messo una pezza per tutti, i playoff li vince la squadra che ha fatto il lavoro sporco per tutti.

Ma se Fabio Ceravolo era stato l’uomo dei playoff, il destino poi ha scelto un altro eroe per la cavalcata finale del Benevento verso la serie A.

E quell’eroe ha un nome e cognome: George Puscas, attaccante rumeno classe 1996, di proprietà dell’Inter ma da ieri sera un po’ più beneventano.

L’attaccante rumeno non era stato tra i protagonisti della buona regular season del Benevento. Se avessimo dovuto scegliere un simbolo – e sarebbe stato difficile, visto che uno dei grandi meriti di Baroni è stato quello di aver messo il gruppo al di sopra dei singoli – saremmo andati a pescare lo stesso Ceravolo, Amato Ciciretti, o l’instancabile motorino di centrocampo Raman Chibsah, piuttosto che Filippo Falco o Nicolas Viola.

In stagione, Puscas aveva giocato 17 volte, trovando il gol 4 volte: e non è stata solo colpa sua, ma anche di un fastidioso infortunio al menisco che lo ha tenuto fuori a metà stagione per parecchio tempo.

Ma poi il destino ha deciso che doveva essere lui l’uomo della storia: dei 5 gol segnati dal Benevento ai playoff (prima squadra, da quando esistono i playoff di B, a conquistare la promozione partendo addirittura dal turno preliminare) 3 portano la sua firma: e sono tutti gol pesanti, gol che a Benevento nessuno dimenticherà.

Anche e soprattutto perché le Streghe non avevano certamente una tradizione positiva con le finali playoff: esattamente 10 anni fa, con la finale di Seconda Divisione (C2, dai) persa contro il Potenza, cominciava quella che sembrava a tutti gli effetti una maledizione, con una lunga serie di semifinali e finali promozione perse.

Poi, dallo scorso anno, è cambiato tutto, con due promozioni in fila e il grande salto in A. Dove il Benevento troverà i grandi, come mai era successo nella sua storia.

E il merito è anche di quell’attaccante rumeno che è stato in grado di spazzare quella maledizione. A Benevento, anche tra cinquant’anni, racconteranno i tre gol di George Puscas nella magica cavalcata verso il calcio dei giganti.

Valerio Nicastro
twitter: @valerionicastro

Related Posts

Fantacalcio: la worst 11 della 23a giornata

2016-02-04 11:40:07
delinquentidelpallone

1

Lo strepitoso video di Natale del Chelsea

2018-12-25 10:30:23
delinquentidelpallone

1

La strepitosa Coppa d’Africa di Ismaël Bennacer

2019-07-21 09:35:55
delinquentidelpallone

1

Huddersfield Town: i Terriers tornano tra i grandi

2017-08-20 11:53:56
delinquentidelpallone

1

Sudore, fatica, fame: essere Diego Costa

2015-03-23 15:44:25
delinquentidelpallone

1

Le due alternative a Gonzalo Higuain per la Roma

2019-07-24 14:16:55
delinquentidelpallone

1