Gattuso potrebbe cambiare modulo al Napoli per la prossima stagione Gattuso potrebbe cambiare modulo al Napoli per la prossima stagione
Il Napoli è ripartito in vista della prossima stagione, con il ritiro che quest’anno si svolge a Castel di Sangro, e qualche volto nuovo... Gattuso potrebbe cambiare modulo al Napoli per la prossima stagione

Il Napoli è ripartito in vista della prossima stagione, con il ritiro che quest’anno si svolge a Castel di Sangro, e qualche volto nuovo che gli azzurri hanno presentato nei giorni scorsi.

Non c’è dubbio alcuno che il nome più atteso sia quello di Victor Osimhen, con i tifosi che non vedono l’ora di poter ammirare quello che, numeri alla mano, è oggi l’acquisto più costoso di sempre della storia della squadra.

Rino Gattuso ha cominciato a prendere confidenza con lui in questi giorni, e piano piano sembrerebbe essersi convinto che, per sfruttarne al meglio le caratteristiche fisiche e le doti tecniche, sarà necessario un cambio di modulo, o, almeno, l’introduzione di questo nuovo sistema di gioco tra le diverse opzioni a sua disposizione.

E così il Napoli potrebbe organizzarsi in un 4-2-3-1 che consenta a Osimhen di essere utilizzato come prima punta, per lanciarsi negli spazi e per attaccare in verticale.

Il cambio di modulo consentirebbe anche di non sacrificare sull’esterno Dries Mertens, che potrebbe andare così ad agire alle spalle di Osimhen in posizione centrale.

E, inoltre, risolverebbe anche il problema di sostituire un giocatore importante dal punto di visto tattico come Callejon; per il momento, a destra potrebbe trovare spazio Fabian Ruiz, ma anche Politano potrebbe poi essere un’opzione.

Con questo modulo, a centrocampo la coppia sarebbe formata da Demme e Zielinski, quantità e qualità per supportare una potenza di fuoco notevole in avanti.

LE NOTIZIE DI OGGI:

Mauro Icardi può tornare a giocare in Serie A

La nuova terza maglia del Manchester City

L’Hull City ha scherzato con la Juve sulla sua nuova maglia

I 3 possibili acquisti dell’Inter dopo la conferma di Antonio Conte