Fran Beltrán, il motorino del centrocampo del Celta Fran Beltrán, il motorino del centrocampo del Celta
Nella disastrosa stagione del Celta Vigo, attualmente quartultimo in Liga, un solo punto sopra la zona retrocessione, ci sono poche note liete: una di... Fran Beltrán, il motorino del centrocampo del Celta

Nella disastrosa stagione del Celta Vigo, attualmente quartultimo in Liga, un solo punto sopra la zona retrocessione, ci sono poche note liete: una di queste note liete risponde al nome di Francisco José Beltrán Peinado, o semplicemente, per brevità, Fran Beltrán.

Il piccolo – in tutti i sensi – centrocampista spagnolo classe 1999 si sta infatti ritagliando un ruolo di primo piano nella squadra galiziana, e in molti si stanno accorgendo di lui.

170 centimetri di altezza per 64 chilogrammi, non ha certo un fisico statuario, una cosa che nel calcio moderno potrebbe sembrare penalizzante; ma, al contrario, con il suo baricentro basso e la fisicità nelle gambe, Beltrán non soffre eccessivamente la differente struttura fisica rispetto a molti dei centrocampisti moderni.

Può giocare in mezzo al campo, sia in un centrocampo a due, che come mezzala in un centrocampo a tre, ma in carriera (e anche quest’anno in qualche occasione) ha anche giocato qualche metro più avanti, da trequartista.

Le sue doti migliori sono la tecnica, il controllo di palla, la visione di gioco e la corsa: non è raro vederlo percorrere chilometri su chilometri nel corso della stessa partita, o rincorrere gli avversari per parecchi metri per andarsi a riprendere un pallone perso dalla sua squadra.

Ha ottime doti nei passaggi corti, un po’ meno da regista tradizionale, anche se non è quello il compito che gli viene richiesto in prevalenza. Occasionalmente può anche trovare il compagno con un passaggio filtrante verso la porta, ma è nella gestione del pallone negli spazi brevi che il ragazzo eccelle.

Si è messo in mostra, giovanissimo, in Segunda Division, dove nemmeno maggiorenne ha giocato due stagioni da titolarissimo con la maglia del Rayo Vallecano: è arrivato quest’estate al Celta Vigo per 8 milioni di euro, ma dopo il buon inizio in Liga il suo valore sembra essere già cresciuto, visto che nonostante i diversi allenatori che si sono alternati, il suo posto non è mai stato in discussione.

Queste le sue principali statistiche stagionali.

0.94 tiri/90 min
43.28 passaggi accurati/90 min (92,4% precisione)
9.17 passaggi in avanti/90 min
0.72 dribbling/90 min (62.1% successo)
4.96 duelli vinti/90 min (32.1%)
3.81 palloni intercettati/90 min
7.51 palloni recuperati/90 min

Questa, invece, la sua heatmap stagionale: come potete vedere, copre bene tutte le zone del centrocampo, facendo molto movimento.

I due paragoni più immediati che sono stati fatti per Beltrán in questi anni sono quelli con Marco Verratti e Lucas Torreira, anche per struttura fisica.

Beltrán, però, deve migliorare ancora molto in fase offensiva, anche se non è quello il compito principale che gli viene chiesto: il tiro non è certo la sua arma migliore, e in carriera ha segnato 2 gol in 99 partite.

Ma di certo, se uno come lui sta sempre in campo, le sue doti sono sicuramente apprezzate.

Valerio Nicastro
twitter: @valerionicastro

Related Posts

Il Derby del Faraone

2019-09-22 08:18:45
delinquentidelpallone

18

Le 5 squadre di culto dell’Europa League 2019/20

2019-09-19 10:39:58
delinquentidelpallone

18

La maglia del Lipsia per la Champions League

2019-09-17 08:10:36
delinquentidelpallone

18

Alfredo Donnarumma: il mestiere del gol

2019-09-16 13:45:45
delinquentidelpallone

18

È arrivato il momento del tempo effettivo

2019-09-16 08:04:44
delinquentidelpallone

18

Franck Ribery non è venuto in Italia in vacanza

2019-09-14 15:30:24
delinquentidelpallone

18

I tifosi del PSG sono arrabbiatissimi con Neymar

2019-09-14 10:06:06
delinquentidelpallone

18

La terza maglia 2019-20 dell’Atletico Madrid

2019-09-13 10:40:01
delinquentidelpallone

18