Negli ultimi anni, le nazionali giovanili dell’Inghilterra hanno fatto un bel balzo in avanti. E, negli ultimi mesi, le cose si sono fatte ancora...

Negli ultimi anni, le nazionali giovanili dell’Inghilterra hanno fatto un bel balzo in avanti.

E, negli ultimi mesi, le cose si sono fatte ancora più interessanti. Da maggio ad oggi, infatti, l’Inghilterra si è laureata campione del Mondo Under 20 (a giugno) e ha poi ottenuto altri risultati di rilievo, come la vittoria del prestigioso torneo di Tolone, la finale degli Europei Under 17, la semifinale degli Europei Under 19 e, proprio oggi, ha raggiunto la finale del Mondiale Under 17.

L’Inghilterra, infatti, ha sconfitto per 3-1 il Brasile grazie alla tripletta di un ragazzo che forse è il caso di tenere d’occhio: Rhian Brewster, che è andato a segno al 10′, al 39′ e al 77′ per assicurare ai suoi il raggiungimento dell’atto finale dei Mondiali Under 17.

Lo stesso Brewster, tra l’altro, era stato il grande protagonista dei quarti di finale: con un’altra tripletta, segnata agli Stati Uniti, con i primi due gol arrivati nei primi 14 minuti di gioco.

Insomma, un ragazzo da tenere d’occhio: punta centrale, nato il 1 aprile del 2000, 177 centimetri di altezza, è di proprietà del Liverpool, che di questi ragazzi ne sta sfornando già parecchi.

Nella Premier League 2 – il campionato che ha sostituito il campionato Under 21 inglese – Brewster ha già segnato 3 volte in 6 presenze, prima di farsi notare appunto con la maglia dell’Inghilterra ai Mondiali Under 17 in queste ultime settimane.

Di recente, il ragazzo era stato notato anche da Jurgen Klopp, manager della prima squadra dei Reds, che ha ammirato il potenziale del ragazzo, un predatore d’area sopraffino, facendo però capire che ci vorrà ancora tempo prima di vederlo tra i grandi. E, a quell’età, è quasi normale sia così.

Questi i due gol su azione rifilati agli USA.

Questa invece la tripletta messa a segno oggi contro il Brasile.

Contro il Messico, invece, il ragazzo si era inventato questo calcio di punizione magistrale.

L’Inghilterra affronterà in finale la Spagna: voi, nel dubbio, dovreste continuare a seguire da vicino la crescita di questo ragazzo…