I 10 fenomeni che non hanno mai sfondato (ma di cui siamo innamorati) I 10 fenomeni che non hanno mai sfondato (ma di cui siamo innamorati)
Ci hanno fatto sognare. Hanno scritto pagine indimenticabili delle nostre esistenze calcistiche. Hanno segnato il nostro rapporto con il calcio. Sono quei giocatori che hanno sempre... I 10 fenomeni che non hanno mai sfondato (ma di cui siamo innamorati)

Ci hanno fatto sognare. Hanno scritto pagine indimenticabili delle nostre esistenze calcistiche. Hanno segnato il nostro rapporto con il calcio. Sono quei giocatori che hanno sempre messo in mostra grandi doti tecniche, ma che non sono mai riusciti a fare il grande salto. Hanno emozionato i tifosi di piazze più e meno importanti, ma non sono mai riusciti a prendersi la maglia di una grande squadra, non sono mai diventati quello che potevano davvero diventare: dei campioni indiscussi. Eppure, proprio per questo, a noi piacciono di più. Sono eroi romantici, alfieri di un calcio vissuto a modo loro, vissuto per emozionare e per far sognare. Sono i fenomeni che non hanno mai sfondato. Ma hanno sfondato le pareti del nostro cuore, senza dubbio.

sodinhaf
10. Sodinha

Felipone nostro ci fa spiccare il volo, poche storie. Talento cristallino, panza da competizione. Sodinha entusiasma perchè ha deciso di fregarsene delle convenzioni e di quello che gli dicono gli altri. Sodinha ha deciso di rimanere se stesso, Sodinha ha deciso che un piatto di pastasciutta sarà sempre meglio di dieci giri intorno al campo. Il bello è che può permetterselo, perchè tanto con quel sinistro fa quello che vuole, piazza la palla sempre dove più gli aggrada.

brienza

9. Franco Brienza

Il furetto del Cesena, dotato di velocità straordinaria (almeno nel fiore della carriera) e di un mancino al fulmicotone. Quanti tifosi hanno sognato salendo sulle ali di Franchino. A Palermo, Reggio e Siena ha vissuto le parentesi più entusiasmanti della sua carriera, una carriera che sicuramente, avesse beccato il treno giusto, avrebbe potuto essere più luminosa, ne siamo certi. Ma a noi romantici sognatori va bene così, va bene anche riassaporare le gesta di Brienza nei meandri della provincia italiana.

cicciolodi

8. Francesco Lodi

Se il calcio si giocasse da fermi, non avremmo dubbi: noi sceglieremmo sempre Ciccio Lodi dalla nostra parte. Nè Pirlo, nè Juninho Pernambucano. Noi la punizione della nostra vita la affidiamo al sinistro di Ciccio. Ha imparato a calciare così bene studiando il suo grande idolo: si, perchè Lodi è napoletano e l’idolo è, ovviamente, Diego Armando Maradona. Gli anni più belli della sua carriera li vive a Catania, dove diventa addirittura miglior marcatore della sua squadra nel 2012. Oggi è al Parma, ma ogni volta che c’è una punizione in zona Lodi, i portieri tirano una Madonnina e sperano nella grazia.

Related Posts

Il capocannoniere della Premier League 2019/20 sarà Teemu Pukki

2019-08-17 15:59:49
delinquentidelpallone

18

Lisandro Martinez non sta facendo rimpiangere de Ligt

2019-08-15 07:59:56
delinquentidelpallone

18

Jack Grealish non porta molta fortuna all’Aston Villa

2019-08-11 10:24:43
delinquentidelpallone

18

Il precampionato dell’Atalanta non sta andando benissimo

2019-08-10 21:12:38
delinquentidelpallone

18

10 gol che poteva segnare solo Roberto Carlos

2019-08-08 14:29:04
delinquentidelpallone

18

I numeri di Romelu Lukaku con la maglia del Manchester United

2019-08-08 09:05:13
delinquentidelpallone

18

Next page