Come ogni lun…ah, no, maledetto spezzatino. Questa settimana avete dovuto aspettare fino al martedi per essere certi di aver preso un’altra scoppola al Fantacalcio....

Come ogni lun…ah, no, maledetto spezzatino. Questa settimana avete dovuto aspettare fino al martedi per essere certi di aver preso un’altra scoppola al Fantacalcio. Vabbè, succede. Passerà anche questa, non vi preoccupate.

Nel frattempo, anche questa settimana, gli amici di Fantarisposte ci regalano la loro Worst 11, la peggior formazione possibile che avreste potuto schierare in questo weekend fantacalcistico. E siamo sicuri che di questi ne avete messi in campo parecchi.

VIVIANO 0 – Come giocare in 10 giocando in 11, grazie Viviano. Esce da San Siro col malditesta; troppo forti i fischi alle orecchie a causa delle bestemmie che gli ha dedicato chi lo ha schierato titolare. Sa che Niang non ha ancora segnato col Milan su azione e decide di fargli ‘sto regalo. sFOURtunato.

MAICON 3 – Entra nel secondo tempo e dopo otto minuti si prende un espulsione dopo aver colpito Gomez con la gamba nel mezzo. Dal buon vecchio Maicon c’è solo da imparare. Chapeau.

NAGATOMO 4 – Torna a Napoli dopo la famosa intervista su San Gennaro e viene accolto come una star. Ormai la carriera televisiva ha preso il sopravvento su quella sportiva e decide di farsi espellere per andare a postare qualcosa su Twitter. E l’Inter senza di lui si esalta. Sono giapponese.

DE SILVESTRI & MESBAH 3,5 e 4 – La premiata ditta dei ladri di rame di Genova Brignole va letteralmente in confusione nella nottata di San Siro. Contro Cerci e Bonaventura vanno in confusione manco avessero davanti Robben e Cristiano Ronaldo. Più frastornati del presidente Ferrero dopo la striscia quotidiana. Scemo e più scemo 2.

FERNANDO & BARRETO 4,5 – Si insomma, avete capito. Aver schierato un giocatore della Samp a ‘sto giro, Eder a parte, è stato piacevole come essere marcati da Montero. Ricevere una lezione di calcio da Montolivo non ha prezzo, per tutto il resto c’è Mastercard. Gianni e Pinotto.

GRASSI 4 – L’Atalanta fa l’impresa del weekend andando a vincere contro una Roma desiderosa di rivincita e Grassi riesce nell’impresa dentro l’impresa, quella di regalarti solo 4 punti. Come con De Roon nella scorsa giornata, il pagellista decide di accanirsi contro un giocatore a caso dell’Atalanta e stavolta è toccato a Grassi. Grassi è bello.

PAVOLETTI 3 – Come passare dalla pure esaltazione per aver comprato un fenomeno alla totale delusione per averlo schierato. E pensare che quando hai visto che ci sarebbe stato Genoa-Carpi eri più esaltato di Montgomery Burns, ma di “eccellente” c’è stata solo la gomitata rifilata al povero Gagliolo. Tre in pagella, tre le giornate di squalifica. Three, is a magic number.

MURIEL 4,5 – Ormai il nuovo Rolando è un habitué della rubrica, per la vostra immensa gioia. Ogni anno è quello giusto per esplodere ma di solito l’unica cosa che esplode è la pazienza di chi spende su di lui. Ad agosto parte bene, ci butti un sacco di crediti e quando esce al sessantesimo senza aver segnato sai già il voto che prenderà. Forza quattro.

MANCOSU 4 – Ha la grande occasione di mettersi in mostra vista l’assenza di Destro ma Donadoni si accorge di lui sono al trentanovesimo. Incide talmente tanto che Donadoni decide di sostituirlo con Acquafresca, quasi più umiliante di quando vieni beccato a vedere un film porno dalla tua ragazza. E’ Mancosu il suo apporto. TOTALE 39

BONUS TRACK BACCA 5,5 – Torni a casa spaccatoamerda dal sabato sera ma hai comunque la forza di guardare com’è andata Milan-Samp ed alla vista del 4-0 già godi avendo Bacca. Primo gol Bonaventura, vabbè avrà fatto tripletta. Secondo gol Niang, su rigore. Come su rigore? Non è Bacca il rigorista? Giù le prime bestemmie. Terzo gol ancora Niang, dai avrà fatto il quarto. Invece no. Luiz Adriano. Piovono bestemmie. Che serata di merda. Un po’ come il risveglio, quando oltre al malditesta per la serata ci si mette pure l’insufficienza. PerBacca.

PS: Forza Dessena, in bocca al lupo per l’infortunio e siamo certi che tornerai più forte di prima. Vogliamo prenderti in squadra il prossimo anno!