Torna, insieme al campionato, anche il classico appuntamento del lunedi con la peggior formazione possibile che avreste potuto schierare al Fantacalcio, con conseguente collezione...

Torna, insieme al campionato, anche il classico appuntamento del lunedi con la peggior formazione possibile che avreste potuto schierare al Fantacalcio, con conseguente collezione di ingiurie agli astri celesti.

Come ogni settimana, gli amici di FantaRisposte ci guidano alla scoperta della Worst 11 di giornata. Ecco a voi gli undici eroi di giornata.

LEALI 1,5 – L’Inter è la squadra abbonata agli 1-0 e quindi decidi di fare la scelta della stagione schierandolo a San Siro. Eloquente il messaggio del tuo avversario che alle 22:41 ti scrive: “E anche oggi mi batti domani”. So che non te ne frega niente ma noi ti stimiamo lo stesso, sappilo. Redbull ti mette Leali.

GAMBERINI 3 – Lo hai preso a uno sperando che qualcuno rilanciasse e invece, giustamente, i tuoi amici te lo hanno lasciato tra l’ilarità generale. Vedi che gioca contro il Carpi e decidi che è la volta buona per schierarlo e lui ti ripaga con un gol, un tap-in vecchia scuola alla Inzaghi ma nella sua porta. Comunque ricorda, se Gamberini ha otto presenze in Nazionale, niente è impossibile. Gamberini al guazzetto.

ZUKANOVIC 4 – La scorsa estate è stato ad un passo dall’Inter e non c’erano dubbi con quel cognome. Ci hai speso tanto pensando fosse l’anno della consacrazione e invece ha la media voto più bassa anche di Masiello, giusto per citarne uno. Alla prima di Montella decide di mettersi in mostra con un rosso diretto a gara quasi finita conquistandosi senza dubbio la fiducia del mister. Buona la prima.

TOROSIDIS 4 – Nelle gerarchie viene dopo Florenzi, Maicon, il massaggiatore e il raccattapalle ma nel diluvio di Bologna Garcia è costretto a metterlo in campo per via della tombolata di Maicon con gli anziani. Decide di mettersi in mostra ma da buon delinquente lo fa atterrando Giaccherini per il rigore del 2-2. Dalla Grecia col gommone.

PEROTTI 4,5 – Sente odore di rissa e da buon argentino non si tira indietro, riuscendo a inventarsi dal niente un espulsione che verrà riproposta prossimamente nelle scuole calcio di Buenos Aires. Papa Francesco su Twitter ha detto che se avevi schierato sia lui che Berardi eri ufficialmente tenuto a bestemmiare quindi non preoccupatevi. Perotti, red passion.

SUAREZ 4 – Nervoso, indisponente, assente. Pensa che non se lo fila nessuno perché col suo cognome ce n’è uno più forte e decide che l’unico modo per figurare sul tabellino è farsi ammonire. Gira più a vuoto di una particella di sodio nella bottiglia d’acqua quella verde e Paolo Sousa decide che un tempo è sufficiente. Al suo posto uno a caso, un certo Kalinic. Suarez ma quello scarso.

GRECO 4 – Da uno che ha segnato in Champions League ti aspetti di più dell’entrata killer dopo cinque minuti su Ghoulam che gli costa il giallo. E’ l’unica cosa che ti ricordi di lui in Verona-Napoli. Va talmente in confusione contro i centrocampisti azzurri che a fine gara Hamsik gli regala una cartina di Verona, per non perdersi almeno nel ritorno verso casa. Smarrito.

DE ROON 4,5 – Lo hai comprato a uno perché aveva il cognome simpatico, sperando che potesse essere la scommessa vincente a centrocampo. Dopo i voti convincenti, compreso il 7 a San Siro contro il Milan, pensi che è ora di mandarlo in campo ma lui da buon olandese glaciale decide di farti pagare il fatto che lo hai messo in panchina per 12 giornate. De Ficiente.

BERARDI 3 – 71 partite, 3 espulsioni e 27 ammonizioni. Finalmente abbiamo trovato il nuovo Daniele Conti della Serie A. Cinque anni fa dopo la partita sarebbe entrato su Facebook per scrivere “Vffncl Ansaldi xsona mlt brtt, nemici xseo” oggi invece è cresciuto e la risolve coi calci. Don’t worry, Be Rardi.

REBIC 4 – Ti sei innamorato di lui dopo il gol/cross contro il Frosinone e hai deciso di comprarlo nel mercato autunnale. Da allora lo hai sempre schierato titolare perché con Paolo Sousa non si mai. In un momento di lucidità si accorge di essere un attaccante schierato come ala destra e si incupisce talmente tanto da far sembrare forte Mario Rui. Non torna mai indietro per aiutare Tomovic che perde la pazienza e gli “spaca botilia” in testa. Confuso.

MURIEL 4,5 – Con lui è così, o segna o prende voti bassi. Dopo averlo comprato hai pregato per la prima volta in vita tua sperando che non si rompesse il crociato ma visti i voti forse ti sarebbe convenuto. Ogni allenatore, compreso il neoarrivato Montella, dice che ha il potenziale per fare un sacco di gol ma dopo una settimana in Colombia è talmente allucinato da scambiare Danilo con Cannavaro e non ci si avvicina neanche. Trans Oceanico.

TOTALE 41

BONUS TRACK – CANDREVA Lo hai comprato, lo hai schierato, hai bestemmiato, lo hai rischierato, hai bestemmiato ancora ma non hai mollato. Ti hanno proposto di scambiarlo ma te lo sei tenuto. Era dato in panchina ma lo hai messo titolare. E’ entrato, rigore per la Lazio e… Goooooooooooooooool, un’emozione indescrivibile. Poi vabbè, hai perso lo stesso, ma questa è un’altra storia…