Tra le tante partite che si sono giocate ieri, una in particolare si è rivelata parecchio tesa: stiamo parlando di quella giocata a Budapest...

Tra le tante partite che si sono giocate ieri, una in particolare si è rivelata parecchio tesa: stiamo parlando di quella giocata a Budapest tra Ungheria e Portogallo, finita con la vittoria degli ospiti grazie al gol del milanista André Silva.

Ma il match è stato parecchio nervoso, con tanti interventi al limite, che hanno anche fatto arrabbiare Cristiano Ronaldo, bersagliato dai pestoni dei magiari.

L’Ungheria ha poi giocato praticamente un’ora del match in 10 uomini.

Tamas Priskin, infatti, dopo mezz’ora ha pensato bene di farsi cacciare dal campo per via di una gomitata volontaria tirata ai danni di Pepe.

Cartellino rosso inevitabile: queste le immagini dell’intervento di Priskin.

Questo, invece, un breve video in cui potete ammirare altre giocate molto sporche degli ungheresi nel corso del match.

Ma adesso arriva il bello: tra i più arrabbiati per il match, e soprattutto per la gomitata di Priskin ai danni del loro nuovo difensore centrale Pepe, ci sono stati...i tifosi del Besiktas!

Noti per le loro scorribande social – in estate hanno riempito di “come to Besiktas” il profilo Instagram di Diego Costa – i tifosi turchi non si sono smentiti: hanno infatti invaso il profilo Instagram dell’ungherese Priskin, ricoprendolo di parole non proprio dolci e affettuosi, nel migliore dei casi, e di insulti e minacce nei casi più gravi.

Qualche ora da incubo per il difensore ungherese, con i commenti che si accumulavano e che sembravano non finire mai.

Questo un esempio di quanto successo per tutta la giornata di oggi sul suo Instagram, anche sotto post abbastanza vecchi.

Priskin ha dovuto cedere, ed è stato costretto a pubblicare un post di scuse, rivolte sia a Pepe che…ai suoi tifosi, spiegando che il suo era stato un gesto involontario (bé, insomma).

A post shared by PT (@priskatom) on

Vabbè, avete capito la morale: non fate mai arrabbiare i tifosi del Besiktas, per nessun motivo al mondo.