Dove e quando l’Italia giocherà le partite di Euro 2020 Dove e quando l’Italia giocherà le partite di Euro 2020
Con la vittoria di ieri sera contro la Grecia, l’Italia si è conquistata matematicamente la qualificazione ai prossimi Europei, l’obiettivo minimo – e onestamente... Dove e quando l’Italia giocherà le partite di Euro 2020

Con la vittoria di ieri sera contro la Grecia, l’Italia si è conquistata matematicamente la qualificazione ai prossimi Europei, l’obiettivo minimo – e onestamente anche piuttosto semplice – della gestione Mancini.

Adesso, però, arriva il bello; perché dopo aver scherzato contro Bosnia, Finlandia, Armenia, Liechtenstein e Grecia, ci sarà da confrontarsi sul serio con le grandi d’Europa, in un campionato europeo che si preannuncia entusiasmante ed emozionante.

Euro 2020 sarà il primo Europeo itinerante, e le 24 squadre qualificate si divideranno in 6 gironi, con le gare in programma in ben 13 città europee: Copenaghen, Bucarest, Amsterdam, Dublino, Bilbao, Budapest, Glasgow, Baku, Roma, Monaco di Baviera, San Pietroburgo e Londra.

Con l’ufficialità della qualificazione, sappiamo già date e sedi delle prime tre partite dell’Italia, che sarà inserita automaticamente nel gruppo A.

Gli azzurri giocheranno sempre all’Olimpico di Roma, che potrà quindi essere una vera e propria arma in più nel primo raggruppamento.

Quando giocherà l’Italia a Euro 2020

L’Italia giocherà la prima partita il 12 giugno, la seconda il 17 giugno e la terza il 21 giugno. C’è però anche un’altra eventualità che potrà favorirci: per le ultime due partite del girone, l’Italia affronterà squadre che avranno giocato a Baku qualche giorno prima, visto che le gare del girone A saranno divise appunto tra l’Italia e l’Azerbaijan.

E per il prosieguo del torneo? Se l’Italia vincerà il girone, andrà a giocare gli ottavi a Wembley, se passerà da seconda andrà ad Amsterdam, mentre in caso di terzo posto, nel caso in cui dovessimo essere tra le migliori terze, potremmo giocare a Bilbao, Bucarest o Glasgow.

Storie da leggere oggi:

La notte in cui Ricardo divenne l’eroe del Portogallo

L’odissea dell’Italia ai Mondiali del 1950

Quando l’Albinoleffe arrivò a un passo dalla Serie A