Domani verrà sorteggiato il calendario della serie A: ecco i principali criteri di compilazione Domani verrà sorteggiato il calendario della serie A: ecco i principali criteri di compilazione
Domani alle 18.45 è previsto il sorteggio per la compilazione del calendario della nuova serie A che sta per cominciare. C’è molto interesse per... Domani verrà sorteggiato il calendario della serie A: ecco i principali criteri di compilazione

Domani alle 18.45 è previsto il sorteggio per la compilazione del calendario della nuova serie A che sta per cominciare.

C’è molto interesse per capire come sarà l’inizio per le varie squadre e soprattutto quando ci saranno i big match che quest’anno si annunciano più interessanti che mai.

La Lega calcio oggi ha reso noto i criteri con il quale avverrà il sorteggio del calendario, che dovrà tenere conto di tutta una serie di fattori che andremo ad elencarvi e che fanno sì che alcuni accoppiamenti non siano possibili in determinate date.

Intanto la Lega ha stabilito che nelle ultime 4 giornate le partite in casa ed in trasferta dovranno essere perfettamente alternate; inoltre chi lo scorso anno ha chiuso la stagione giocando in trasferta quest’anno la concluderà giocando in casa.

Inoltre non vi potranno essere più di due coppie di incontri consecutivi in casa e/o in trasferta per girone e, nel caso ci fossero appunto due coppie di incontri consecutivi in casa e/o trasferta, una coppia di incontri deve necessariamente essere in casa e l’altra in trasferta.

Nelle città in cui due squadre condividono lo stesso stadio (Genova, Milano, Roma e Verona) l’ordine di esordio in casa è invertito rispetto al 2016/2017 e le società che giocheranno i preliminari di Champions ed Europa League non si possono incontrare alla prima giornata nè si potranno affrontare tra loro nelle giornate poste prima o dopo un turno di coppa (6ª, 9ª, 12ª e 16ª giornata).

Nei turni infrasettimanali non saranno possibili i big match fra Inter, Juve, Milan, Napoli e Roma, né i derby, programmati tutti in giornate diverse, mai alla prima e all’ultima giornata.

Inoltre nella compilazione del calendario verranno presi in considerazione eventi speciali e contingenti segnalati dalle società, che non permetterebbero un regolare svolgimento della partita tra le mura amiche.

Ad esempio il Bologna ha chiesto di giocare in trasferta l’1 Ottobre per via della visita del Papa prevista in città così come la Juventus, nella stessa data, ha manifestato la volontà di giocare lontano dalle mura amiche a causa della riunione dei ministri del lavoro (G7) che si terrà proprio in quel weekend al Lingotto di Torino.

Di queste situazioni contingenti ce ne sono diverse, segnalate dalle società, starà poi alla lega decidere se accogliere o meno le richieste.

Basandosi su questi criteri di compilazione, la Juventus potrebbe avere un inizio molto complicato, con un big match (in casa o in trasferta) possibile già alla prima giornata. I bianconeri potrebbero incontrare subito una big del campionato (in casa o in trasferta), in quanto le uniche squadre che non potranno affrontare sono Fiorentina, Torino e Udinese.
Milan, che giocherà la prima in trasferta, Inter, che esordirà tra le mura amiche, Roma e Napoli potranno essere tutte avversarie dei campioni d’Italia in carica che ovviamente si augurano un avvio più soft.

Non resta altro da fare che attendere la serata di domani quando, finalmente, verranno resi noti gli accoppiamenti.