La Svizzera affida il compito di impostare la manovra a Behrami e Inler: un po’ come affidare i propri figlioletti alla babysitter Anna Maria...
  • La Svizzera affida il compito di impostare la manovra a Behrami e Inler: un po’ come affidare i propri figlioletti alla babysitter Anna Maria Franzoni, insomma.
  • L’azione del secondo gol della Svizzera, però, vi spiega perchè nel calcio servono quelli come Valon Behrami. Azione fumosa del funambolo ecuadoriano, gol divorato, salvataggio epico del nostro, ripartenza, fallo subito, si rialza immediatamente per far proseguire l’azione, palla in area, gol. Delinquenza 1 – Circo 0.
  • Jefferson Montero ha un cognome importante, piede buono e tanta velocità. Ma se avesse trovato sulla sua fascia un suo famoso omonimo, il suo Mondiale sarebbe già finito, e la sua tibia solo un lontano ricordo.
  • Lichtsteiner sta ancora chiedendo di bere, lo stanno innaffiando con gli idranti.
  • L’Honduras è già diventata la nostra squadra simpatia: al 12′ di gioco erano già alla melina e al retropassaggio al portiere. Peccato che abbiano le stesse chance di passare il turno che abbiamo noi di scalare posizioni al prossimo Conclave ed essere eletti Papa.
  • Wilson Palacios ha mostrato al mondo cosa significa essere un giocatore dello Stoke City. E noi, ovviamente, siamo orgogliosi di lui. Se finisce il Mondiale senza un rosso, smettiamo di seguire lo sport e ci diamo al punto croce.
  • Il portiere dell’Honduras sembra uno di quelli che al calcetto del mercoledì va in porta a fare il turno di 5 minuti. Appena iniziata la partita, abbiamo avuto la certezza che avrebbe fatto una cappella. Non ci ha deluso.
  • Lo sapete, disprezziamo le giocate tecniche e i numeri da circo, ma il disimpegno in rabona di Rojo nella sua area di rigore è un gesto di una delinquenzialità e ignoranza tecnica che non può lasciarci indifferenti.
  • L’autogol di Kolasinac ha spianato la strada all’Argentina, ma siamo abbastanza certi che nessuno in Bosnia gli cacherà il cazzo per la vaccata, a meno che non abbia una voglia matta di finire sotto tre metri di terra.
  • Siamo invece certi che Papa Francesco ha seguito la partita con familiare di peroni gelata, frittatona di cipolle e rutto libero. E che anche lui ha tirato qualche bestemmia a Romero.

No comments so far.

Be first to leave comment below.

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *