DDT: l’allenatore DDT: l’allenatore
Titolari e panchina sono stati scelti. Adesso non vi resta che eleggere il vostro condottiero, l’allenatore della nostra rosa dei sogni. Bando alle ciance,... DDT: l’allenatore

Titolari e panchina sono stati scelti. Adesso non vi resta che eleggere il vostro condottiero, l’allenatore della nostra rosa dei sogni. Bando alle ciance, presentiamo i candidati:

Josè Mourinho: non fatevi ingannare dal bell’aspetto e dall’occhietto vispo. Mourinho è in tutto e per tutto uno di noi. Dalla conferenza stampa all’autobus parcheggiato sulla linea di porta, dalle interviste postpartita ai gesti teatrali in panchina. Josè ne ha sempre una pronta per stupirci, e affidarsi a lui potrebbe non essere un’idea così peregrina. Anche perchè ha una dose di culo non indifferente.

Alberto Malesani: per la conferenza stampa nessuno meglio del Mollo. Idee in campo forse lontane dal nostro stile di gioco, ma il calcio, lui, dalla panchina lo vive in maniera assolutamente identica a noi: male.

Maurizio Sarri: Don Pietro Savastano è uno di quelli che ci mandano fuori di melone. Nel senso buono logicamente. Perennemente divorato dall’ansia, venderebbe i suoi cari per potersi accendere quella dannata sigaretta, invece è costretto dal regolamento a mangiarsi il mozzicone spento. Uomo d’altri tempi, baciamo le mani.

Beppe Iachini
: siate ben cauti nella vostra scelta. Il buon Beppe, con tanto di cappellino, è una scelta assolutamente educata. Ma sappiate che se scegliamo lui, non avremo sicuramente i Santi del Paradiso dalla nostra parte. Anzi.

Pierpaolo Bisoli:
34 pareggi e tutti a casa. In mezzo, qualche Madonna tirata di giustezza. Per noi ha tutto per essere speciale.

Eziolino Capuano: Mister Eziolino non è un semplice allenatore, è uno stile di vita. Siamo anche certi possa essere uno di quelli che riuscirebbe a far rendere al meglio questo manipolo di criminali

Rolland Courbis: il catenone d’oro che si porta al collo e quella faccia da onesto criminale che si trova, sarebbero ottimi motivi per scegliere l’allenatore del Montpellier.

Giampiero Ventura: Dietro la faccia da perenne cane bastonato si cela un animo da delinquente pronto ad esplodere. Un esempio? Il plateale gesto, reso celebre dall’Isis in tempi moderni,  in occasione del derby rivolto ad un tifoso del Torino colpevole di aver criticato la squadra

Diego Pablo Simeone: il Cholo, oltre che essere un buon allenatore, ha tre buone ragioni dalla sua. E’ adattissimo al sistema di gioco che vogliamo mettere in piede, tutto contropiede e sfangate. Scapoccia spesso e volentieri. Si porta appresso il Mono Burgos. Quest’ultima è l’argomentazione più convincente di tutte.


Sinisa Mihajlovic:
l’allenatore serbo è uno dei pochi che potrebbe trovare spazio anche in squadra, durante la partitella di allenamento, senza sfigurare( metaforicamente parlando, sul significato letterale avremmo qualche dubbio in più). Siamo solo ai suoi primi anni di carriera da tecnico e già ci ha fornito materiale per un libro, predestinato.

Giovanni Trapattoni: acquasanta, proverbi e catenaccio. Affidare la panchina al Trap è garanzia di sicurezza. Con lui e quella difesa, non prendiamo più di 5 gol in un anno solare. Bisogna vedere se riusciamo a segnarne un paio, però.

Tony Pulis: non può mancare l’artefice del vecchio cuore Stoke, tutto mazzate, arroccamenti e gol da rimessa laterale. Scelta di cuore, ma elitaria.

Miguel “el Piojo” Herrera: se avete seguito i Mondiali con noi, non dobbiamo spiegarvi assolutamente nulla. Pensate solo alla faccia del Piojo esultante per un gol sfangato al novantamillesimo ed iniziate al godere.

Marcelo Bielsa: El Loco, il pazzo. Di motivi per sceglierlo come allenatore ce ne sarebbero a bizzeffe, da quelli tecnici passando per quelli caratteriali. L’idea di dargli in pasto un branco di delinquenti da allenare ci eccita come poche cose nella vita. Probabilmente al termine della prima rifinitura del primo allenamento qualcuno, tra lui e i giocatori, passerebbe a miglior vita.

Serse Cosmi: ultimamente si sta dedicando alla consolle, per stimolarlo a tornare in panchina ci vuole una proposta allettante. Il ddt sarebbe perfetto per uno come lui, sanguigno dalla bestemmia facile. Già ce lo immaginiamo “Morganellaaa non mi sbaglià il crosseee”

[poll id=”25″]

Related Posts

Nostalgia Canaglia: Aldair

2015-03-26 16:47:12
delinquentidelpallone

1

Ervin Zukanovic, la locomotiva di Sarajevo

2015-07-20 08:12:09
delinquentidelpallone

1

Chi sono i giocatori che hanno fatto esonerare Ancelotti?

2017-09-29 08:29:40
delinquentidelpallone

1

Il Barcellona ha una strategia particolare per il secondo tempo

2018-01-25 09:12:24
delinquentidelpallone

1

La strana multa dello Shanghai Shenhua

2017-11-30 16:57:22
delinquentidelpallone

1

Fantacalcio: la worst 11 della 27a giornata

2016-03-01 11:30:54
delinquentidelpallone

1

Champions League, la maledizione del Salisburgo

2016-08-26 08:29:15
delinquentidelpallone

1