Da giugno ci saranno un po’ di nuove regole nel calcio Da giugno ci saranno un po’ di nuove regole nel calcio
Mentre in giro per l’Europa si giocavano le partite di diversi campionati, nel corso del fine settimana ad Aberdeen, in Scozia, si è riunito... Da giugno ci saranno un po’ di nuove regole nel calcio

Mentre in giro per l’Europa si giocavano le partite di diversi campionati, nel corso del fine settimana ad Aberdeen, in Scozia, si è riunito l’IFAB, International Football Association Board, l’ente deputato alla scrittura e alla modifica del regolamento del gioco del calcio.

Sono state quindi approvate diverse modifiche al regolamento, con l’introduzione di alcune regole nuove e altre che invece sono state solo riviste leggermente.

Ecco cosa cambierà da giugno 2019, con i cambiamenti che diventeranno effettivi a partire dai prossimi Europei Under 21 e poi, da luglio, per tutte le coppe e campionati.

Cambia la regola del rinvio dal fondo: fino ad oggi,il pallone doveva uscire dall’area di rigore per essere considerato in gioco. Adesso, attaccanti e difensori potranno entrare in area non appena il portiere tocca il pallone.

L’arbitro potrà ordinare la sostituzione di un calciatore da qualsiasi punto del campo: se una squadra sta perdendo tempo, potrà far uscire il calciatore che deve lasciare il campo da qualsiasi punto del terreno di gioco.

Arriverà anche il cartellino giallo per gli allenatori, un richiamo prima dell’espulsione. E ci saranno anche diffide e squalifiche per somma di ammonizioni, come per i calciatori.

I giocatori della squadra che tira un calcio di punizione non potranno più entrare nella barriera avversaria per disturbarla, ma dovranno stare ad almeno un metro di distanza (avanti o dietro).

Se l’arbitro toccherà casualmente il pallone determinando un’azione pericolosa o addirittura un gol, il gioco verrà fermato e la palla restituita alla squadra che ne era in possesso.

Cambiano le regole per i falli di mano: innanzitutto sarà irregolare segnare un gol con le mani anche involontariamente. Qualsiasi tocco di mano, quindi, annullerà un eventuale gol. Per quanto riguarda invece  i falli di mano in difesa, invece, saranno fischiati in due casi. Naturalmente, per tocco volontario di mano, ma anche per “posizione innaturale” del braccio, anche se involontario, quindi.

Infine, un’altra regola cambiata prevede che una squadra potrà battere la punizione “a sorpresa” anche quando l’arbitro deve estrarre un cartellino, giallo o rosso. In quel caso, il cartellino verrà poi mostrato a fine azione.