Cosa serve all’Inter a gennaio Cosa serve all’Inter a gennaio
La sconfitta di mercoledì scorso a Genova contro la Sampdoria ha interrotto la striscia vincente dell’Inter in campionato che durava da ben 8 partite.... Cosa serve all’Inter a gennaio

La sconfitta di mercoledì scorso a Genova contro la Sampdoria ha interrotto la striscia vincente dell’Inter in campionato che durava da ben 8 partite.

Ma, soprattutto, il pomeriggio di Marassi ha messo in mostra quelle che sono ancora alcune lacune dell’Inter, che Antonio Conte vorrà necessariamente colmare per mettere a posto ogni piccolo ingranaggio della sua squadra, da perfezionista quale ormai abbiamo capito è.

Il mercato di gennaio, allora, permetterà ai nerazzurri di provare a sistemare qualcosa per rendere ancora più funzionale una squadra che comunque, ad oggi, non può non essere considerata tra le favorite per il successo finale.

La partita di Genova ha dimostrato che quando non c’è in campo Lukaku l’Inter sembra faticare parecchio. E non solo per l’errore dal dischetto di Sanchez, visto che il belga è stato finora perfetto. Ma anche a livello di manovra, con la capacità di Romelu di tenere palla e atttirare le attenzioni della difesa avversaria che aprono gli spazi ai compagni. Serve, insomma, un vice credibile per il numero 9, con Pinamonti che non è mai stato utilizzato fin qui. Quello che può arrivare, però, non sarà sicuramente un colpo ad effetto, vista la situazione economica molto particolare (non solo per l’Inter, ma per tutti): servirà un giocatore d’esperienza che arrivi a prezzi tutto sommato contenuti.

E poi, all’Inter servirà un altro tassello del puzzle a centrocampo, sia dal punto numerico, vista la partenza di Nainggolan e quella probabile di Eriksen (se si troveranno acquirenti), sia dal punto di vista qualitativo: un giocatore che possa far rifiatare Brozovic o che possa affiancare il croato con compiti diversi. In pratica un jolly che aggiunga pericolosità e profondità al reparto centrale del campo.