Come è andato l’esordio di Paquetà con il Milan? Come è andato l’esordio di Paquetà con il Milan?
Il digiuno calcistico italiano si è interrotto oggi con il ritorno in campo della Coppa Italia: dopo la facile vittoria della Lazio contro il... Come è andato l’esordio di Paquetà con il Milan?

Il digiuno calcistico italiano si è interrotto oggi con il ritorno in campo della Coppa Italia: dopo la facile vittoria della Lazio contro il Novara, è sceso in campo il Milan, che al Ferraris ha affrontato la Sampdoria.

Il match era molto atteso soprattutto per l’esordio del giovane brasiliano Lucas Paquetà, acquistato a ottobre ma tesserato ufficialmente solo a gennaio.

Gattuso ha lanciato Paquetà dal primo minuto, anche per l’infortunio di Suso, e quindi i riflettori sono stati puntati immediatamente su di lui. Andiamo ad analizzare allora nel dettaglio la sua prestazione, e i suoi numeri.

Queste le sue cifre:

25/32 passaggi completati (78%)
0 passaggi chiave
1/1 dribbling riusciti
0/1 cross riusciti
7/12 uno contro uno riusciti
1/3 contrasti vinti
2 palle perse
2 falli subiti
2 intercetti

Nel primo tempo, Paquetà ha un po’ sofferto la prestazione sottotono del Milan: i rossoneri sono partiti bene ma poi si sono fatti schiacciare molto dalla Samp. Il brasiliano si è mostrato comunque molto propositivo, si è fatto vedere spesso, è andato a pressare molto e non ha avuto paura a buttarsi in tutti i contrasti. Insomma, l’atteggiamento è sembrato quello giusto, anche se poi il pallone non è transitato molto spesso dalle sue parti.

Intorno all’ora di gioco, Gattuso ha anche provato a spostare in avanti il suo numero 39, in una posizione quasi da trequartista, posizione che il brasiliano sembra preferire.

Al 72′ è andato molto vicino al gol con una conclusione da fuori area al termine di una bella progressione palla al piede, con il tiro finito poco a lato della porta di Rafael.

La partita di Paquetà è finita al minuto 85, quando al suo posto è entrato Borini. In definitiva, per essere la sua prima partita in Italia, il brasiliano ha raggiunto la sufficienza, non si è fatto notare per giocate o numeri notevoli, ma ha fatto vedere di avere ampi margini di crescita, una volta capiti schemi e meccanismi della sua nuova squadra e del calcio italiano.

 

Related Posts

Vogliamo molto bene ad Arkadiusz Milik

2019-01-03 14:13:35
delinquentidelpallone

1

Il pareggio dell’Inter di ieri sera è un record

2018-04-15 10:10:16
delinquentidelpallone

1

Un Real Madrid…da record!

2017-04-18 21:29:07
delinquentidelpallone

1

Nigel De Jong, il tosaerba

2014-09-09 14:53:10
delinquentidelpallone

1

La partita da urlo di Ousmane Dembélé contro il Leganés

2019-01-21 15:11:13
delinquentidelpallone

1