Maurizio Sarri è stato senza ombra di dubbio l’allenatore che più ha fatto discutere in questo campionato. Il suo Napoli, che si sta giocando...

Maurizio Sarri è stato senza ombra di dubbio l’allenatore che più ha fatto discutere in questo campionato.

Il suo Napoli, che si sta giocando nelle ultime due giornate il secondo posto, valido per l’accesso diretto alla fase a gironi di Champions League, ha messo in mostra quello che a detta di molti è un calcio molto bello e spettacolare, ma proprio questa polemica tra spettacolo e risultati ha segnato – almeno dal punto di vista dialettico – l’ultima fase della stagione azzurra.

E, in questa polemica, ieri si è inserito anche Ciccio Graziani, che dai microfoni di Premium Sport si è scagliato senza mezzi termini contro l’allenatore del Napoli.

Queste le parole dell’ex attaccante del Torino e soprattutto ex mister di uno degli esperimenti che hanno lasciato il segno nel calcio italiano e nelle nostre testoline (sì, stiamo parlando di Campioni).

“Questo Sarri qui non mi piace per niente. E’ sboccato, non ha un linguaggio da allenatore di alto livello. E poi quando parla di fatturato e perde due volte, sia all’andata che al ritorno, con l’Atalanta… dovrebbe stravincere contro Palermo e Pescara e invece non è così.

I fatturati hanno un significato a certi livelli, ma è un conto che non torna. Deve porsi la seguente domanda: con questa squadra che gioca così bene, dove tutti mi elogiano, perché non riesco a vincere?”. 

Dichiarazioni che, tra ammiratori e detrattori del tecnico del Napoli, hanno scatenato reazioni divergenti, tra chi ha preso le difese di Sarri e chi ha dato comunque una parte di ragione a Graziani.

Un attacco duro e senza attenuanti, da parte di Graziani: attendiamo, se arriveranno, le reazioni di mister Sarri, a queste parole.