Chi è Hakim Ziyech? Chi è Hakim Ziyech?
In questo periodo della stagione, calciomercato e Mondiali si intrecciano a doppio filo, e continueranno a farlo per le prossime settimane. A quanto pare,... Chi è Hakim Ziyech?

In questo periodo della stagione, calciomercato e Mondiali si intrecciano a doppio filo, e continueranno a farlo per le prossime settimane.

A quanto pare, secondo le ultime indiscrezioni, il ds della Roma Monchi avrebbe chiuso l’affare che potrebbe portare in giallorosso un giocatore che ha tutte le carte in regola per accendere la fantasia dei tifosi.

Hakim Ziyech, 25 anni, marocchino dell’Ajax che in questi anni si è fatto conoscere anche fuori dalla Eredivisie, e che era stato accostato a più di qualche squadra di Premier League negli scorsi mesi. Nell’affare potrebbe essere incluso anche Justin Kluivert, ma al momento è Ziyech che sembra destinato ad arrivare per primo in giallorosso.

Ma chi è il marocchino che è destinato a vestire la maglia della Roma, e che nel frattempo è nella lista dei 23 convocati di Hervé Renard per Russia 2018?

Per spiegare chi sia Hakim Ziyech, e cosa gli piace fare, forse basterebbero i numeri: i 66 assist messi a segno nei suoi 5 campionati di Eredivise disputati con le maglie di Twente e Ajax dovrebbero essere sufficienti a spiegare che a questo ragazzo piace parecchio mandare in porta i suoi compagni.

Ziyech gioca principalmente da trequartista, ma può fare anche un passo avanti per fare la seconda punta, o uno indietro per fare la mezzala. Nel caso, anche uno di lato per fare l’esterno offensivo sinistro, ma è tra le linee nemiche che il ragazzo riesce a dare il meglio di sé, muovendosi alla ricerca della giocata che possa aprire la serratura della difesa avversaria.

Già, perché il talento migliore di Hakim Ziyech è la sua visione di gioco, la capacità di immaginare con qualche secondo di anticipo come si svolgerà l’azione, come e quando arriverà l’ultimo passaggio che metterà in porta il suo compagno.

Mancino naturale, ama anche parecchio i numeri ad effetto, quelli che infiammano la folla, un particolare che, però, potrebbe risultare anche controproducente in qualche campionato in cui si bada – a volte – alla sostanza più che all’apparenza.

Ma il genio è un po’ così, e alla fantasia di giocatori come Ziyech non si può certo mettere delle briglie: le sue accelerazioni non saranno impressionanti come quelle di altri suoi colleghi di ruolo, ma a volte la testa viaggia anche più veloce del piede, che pure, nelle conclusioni, si è spesso dimostrato preciso, anche dalla distanza (34 i gol con la maglia del Twente, 19 con quella dell’Ajax).

Insomma, Ziyech è un talento cristallino, un piccolo genio che ha la capacità di disegnare calcio a suo piacimento, quando è in giornata. Ma è anche uno di quei giocatori che ci mette davvero poco a smarrirsi e diventare oggetto misterioso, di quelli che a volte possono diventare delle incognite maledette.

Se davvero dovesse arrivare a Roma, la sfida sarà interessante: esplodere o bruciarsi, fare il grande salto o tornare, mestamente, al piano di sotto. Il guanto è lanciato, vedremo se Monchi lo raccoglierà davvero.

Valerio Nicastro
twitter: @valerionicastro

Related Posts

Kevin De Bruyne si è infortunato al ginocchio

2018-08-15 16:38:52
delinquentidelpallone

18

Chi è Samu Castillejo

2018-08-14 08:15:59
delinquentidelpallone

18

Matuidi dovrà pagare una promessa parecchio faticosa

2018-08-09 13:43:03
delinquentidelpallone

18

Ronaldo, Messi e Mbappé a 19 anni: chi è più forte?

2018-08-07 08:21:01
delinquentidelpallone

18

La disperata richiesta di Mourinho ai giocatori dello United

2018-07-30 12:49:46
delinquentidelpallone

18

Marchio di fabbrica

2018-06-15 14:03:46
delinquentidelpallone

18

Chi vincerà i Mondiali secondo la statistica

2018-06-12 18:41:21
delinquentidelpallone

18

Hazard ha fatto capire a Carrasco chi comanda nel Belgio

2018-06-11 21:31:44
delinquentidelpallone

18