Quello di Hachim Mastour, per un po’ di tempo, è stato un nome molto caldo. Il giovanissimo talento italo-marocchino, classe 1998, era uno dei...

Quello di Hachim Mastour, per un po’ di tempo, è stato un nome molto caldo.

Il giovanissimo talento italo-marocchino, classe 1998, era uno dei nomi più promettenti del vivaio del Milan. Per qualche tempo si vociferò di un suo possibile inserimento ed esordio quasi certo in prima squadra, salvo poi cominciare una trafila di prestiti.

Nel 2014, su Youtube, si potevano trovare video sensazionali in cui il piccolo Mastour incantava, letteralmente, con il pallone tra i piedi.

Poi, però, il Milan ha deciso che per lui la strada migliore era quella dei prestiti. Così, nella stagione 2015-16 è stato girato in prestito al Malaga, per un contratto che doveva essere di due anni. Il tempo per maturare e tornare a Milano, cresciuto.

(un video del 2014 in cui Mastour sembra un fenomeno)

Ma l’esperienza al Malaga si è interrotta anticipatamente. Nel corso dell’estate 2016, infatti, Mastour ha fatto un altro passettino indietro: altro prestito, allo Zwolle, in Olanda. L’Eredivisie doveva essere il nuovo trampolino di lancio di Hachim, ma il ragazzo, anche qui, sembra non aver trovato la strada verso la maturazione…

Allo Zwolle, in realtà, di spazio ne ha avuto poco, anzi pochissimo. Solo 5 presenze totali, una sola da titolare, 150 minuti in totale in cui non ha lasciato il segno in nessun modo.

Questi i numeri, impietosi, della stagione di Mastour in Olanda.

 

Insomma, per ora anche in questa nuova avventura Mastour non sta incidendo. Vedremo nel prossimo futuro se per lui ci sarà ancora un’opportunità al Milan o se dobbiamo considerarlo ormai solo una promessa mai mantenuta…