Che fine farà Mario Mandzukic? Che fine farà Mario Mandzukic?
Strano, certe volte, come le cose possano cambiare così tanto in così poco tempo. Eppure succede, eccome se succede. Chiedetelo a Mario Mandzukic, che... Che fine farà Mario Mandzukic?

Strano, certe volte, come le cose possano cambiare così tanto in così poco tempo. Eppure succede, eccome se succede.

Chiedetelo a Mario Mandzukic, che in questo strano fine estate sta vedendo le sue certezze sgretolarsi, e sta provando sulla sua pelle cosa significhi passare da indispensabile a indesiderato.

La storia bianconera dell’attaccante croato è nota a tutti: arrivato con qualche mugugno dal Bayern Monaco, ha saputo conquistare piano piano il cuore dei tifosi della Juventus, con il suo spirito da combattente, ma soprattutto è riuscito a diventare uomo di fiducia di Allegri, che per schierare in campo tutte le sue armi offensive lo convertì con successo in esterno d’attacco.

E, forse, è proprio quello che ora Mandzukic sta pagando, l’essere considerato in tutto e per tutto un uomo di Allegri. Anzi, proprio per quel suo spirito di sacrificio e per quelle partite sulla fascia a rincorrere avversari fino alla sua bandierina del calcio d’angolo, è diventato un vero e proprio simbolo dell’allegrismo.

E quindi, in epoca sarrista, un simbolo controrivoluzionario da mettere al bando.

Sono cambiate tante cose, in pochi mesi, e ora, nonostante non siano arrivati nuovi acquisti nell’attacco bianconero (anzi, è partito Moise Kean) adesso sembra proprio che per Mario Mandzukic non ci sia più spazio. Per questioni di bilancio e di abbondanza in rosa, la Juventus vorrebbe liberarsi di un attaccante. Il primo indiziato era stato Higuain, ma vuoi per l’ingaggio pesante, vuoi per tanti dubbi, vuoi anche perché alla fine sotto sotto Sarri si fida di lui, il Pipita sembra ormai sicuro del suo posto in rosa, e a Parma è partito titolare.

View this post on Instagram

⚪️⚫️ #neverstop #stepbystep #mm17🌪

A post shared by Mario Mandžukić MM 17 (@mariomandzukic) on

Ci sarebbe sempre la questione Dybala, ma diverse settimane di trattative hanno dimostrato come muovere la Joya sia piuttosto difficile, e a quanto pare – a meno di un’offerta del PSG o di uno scambio con Icardi – anche l’altro argentino rimarrà a Torino.

Resta Mario Mandzukic, ma anche la sua vicenda di mercato sembra essere parecchio intricata, visto che ad oggi il croato non sembra aver dato l’assenso a nessun trasferimento, né alla porta della Juventus hanno bussato pretendenti disposte a fare follie – o anche meno – per lui.

Insomma, adesso Mario Mandzukic si trova in una posizione piuttosto scomoda. Sa di essere finito ai margini della rosa, ma è anche piuttosto fermo nel suo proposito di voler scegliere con calma e serenità la sua prossima destinazione, anche a costo di arrivare a gennaio per poterlo fare. Nel frattempo, però, queste settimane e questi mesi sembrano aver logorato un pochino il rapporto tra il croato e buona parte della tifoseria.

In molti gli rimproverano di non voler andare via per vili questioni di denaro, lui, d’altra parte, non ha fatto nulla per non lasciar trasparire un pizzico di insofferenza, visto che quando è sceso in campo, nelle amichevoli estive, è sempre apparso parecchio giù di corda e molto fuori dagli schemi e dalle dinamiche di squadra, come se si sentisse un corpo estraneo.

Non sappiamo come andrà a finire, ma per il bene che si sono voluti, Mario Mandzukic, la Juventus e i suoi tifosi meriterebbero un finale diverso, senza rancore, senza astio, con la degna riconoscenza da tributare a un giocatore che, fino all’anno scorso, per quella squadra, per quei colori e per quei tifosi si sarebbe buttato nel fuoco.

Valerio Nicastro
twitter: @valerionicastro