Che caos al Real Madrid! Che caos al Real Madrid!
L’ultima stagione è stata tutto fuorché tranquilla, dalle parti del Santiago Bernabeu. L’estate scorsa era cominciata con l’arrivo del tecnico Lopetegui, che proprio per... Che caos al Real Madrid!

L’ultima stagione è stata tutto fuorché tranquilla, dalle parti del Santiago Bernabeu.

L’estate scorsa era cominciata con l’arrivo del tecnico Lopetegui, che proprio per via del contratto firmato con il Real Madrid aveva perso il posto da commissario tecnico della Spagna; la sua avventura sulla panchina dei Blancos era stata però tutto tranne che esaltante, con la sostituzione con Santiago Solari e poi il clamoroso ritorno in sella di Zinedine Zidane.

Quest’anno ci si aspettava una vera e propria rivoluzione in casa Real, eppure le cose si stanno complicando parecchio, in queste settimane.

Il Real ha speso più di 300 milioni per comprare Hazard, Jovic, Eder Militao, Rodrygo e Mendy, ma non è ancora riuscito a fare cassa per finanziare queste spese (e probabilmente per tentare l’assalto all’ultimo colpaccio).

In verità, proprio il capitolo cessioni sembra essere la situazione peggio gestita da parte dei madrileni; da mesi, infatti, si sa che alcuni giocatori in esubero – James Rodriguez e Gareth Bale su tutti – sono destinati a lasciare la Casa Blanca, ma fino ad oggi il Real non è stato in grado di liberarsi di loro, per una serie di circostanze che potevano essere sicuramente evitate.

James Rodriguez, dopo essere stato accostato al Napoli e all’Atletico, è stato quasi tolto dal mercato, mentre la vicenda di Gareth Bale è quasi grottesca: un giocatore totalmente inviso all’allenatore e che ha praticamente annunciato di non aver alcun problema a rimanere diversi anni in tribuna, ma per il quale non si riesce a trovare una sistemazione.

Il precampionato, poi, è stato fin qui un vero e proprio disastro anche in campo per il Real: nelle quattro partite giocate sono arrivate tre sconfitte e un pareggio per 2-2 contro l’Arsenal (con vittoria ai rigori). E, tra le tre sconfitte, c’è stata quella per 7-3 contro l’Atletico. Un’amichevole, vero, ma sette gol dai rivali cittadini sono sempre sette gol.

Aggiungiamo al bilancio l’impressione di una squadra che sembra in difficoltà anche e soprattutto a livello fisico, e il brutto infortunio subito da Marco Asensio – almeno qui, senza colpe per il Real – allora il quadro diventa quasi tragico.

Non manca moltissimo all’inizio della nuova stagione, ma dalle parti del Santiago Bernabeu il rischio di cominciare l’annata già in equilibrio precario fa davvero molta paura.

Valerio Nicastro
twitter: @valerionicastro