I dieci campioni che vorremmo con noi in ogni rissa I dieci campioni che vorremmo con noi in ogni rissa
Sul campo da calcio, lo sappiamo bene, spesso le cose possono farsi complicate. E in un batter d’occhio, senza nemmeno volerlo (o avendolo desiderato... I dieci campioni che vorremmo con noi in ogni rissa

Sul campo da calcio, lo sappiamo bene, spesso le cose possono farsi complicate. E in un batter d’occhio, senza nemmeno volerlo (o avendolo desiderato con tutte le proprie forze) ci si ritrova coinvolti in un parapiglia che ben presto degenera in rissa vera e propria.

Ceffoni, calcioni, spintoni: basta un attimo e siamo coinvolti in una vera e propria battaglia. E siccome è sempre meglio farsi trovare preparati, abbiamo deciso di stilare questa piccola lista, assolutamente non esaustiva, dei 10 calciatori che vorremmo dalla nostra parte in una rissa, per sentirci al sicuro. E’ stata dura sceglierne solo dieci, e al pensiero che potremmo ritrovarci qualcuno degli esclusi nello schieramento avverso, ci viene la febbre.

Questi sono comunque i 10 prodi che vorremmo a menar le mani insieme a noi:

js

Jaap Stam

Non dovrebbero esserci bisogno di parole. Con l’olandesone al nostro fianco ci sentiremmo sicuri anche in guerra, figuratevi in una rissa. Non è il tipo che va a cercare guai in autonomia, ma piuttosto uno di quelli che, in caso di offesa ricevuta, si scatena in tutta la sua furia. Insomma, un cagnaccio da guardia che, in caso di pericolo, è pronto ad intervenire prima di subito. Numero uno.

keanepaura

Roy Keane

Un tipo vendicativo, in una rissa, è uno di quelli che non devono mai mancare. Con Roy però, lo scenario più possibile è che la gazzarra nasca proprio da una delle sue scorribande. Poi, nel bel mezzo dell’azione, l’irlandese non ha paura nemmeno del Padreterno, e ha più volte dimostrato, nel corso della sua carriera, di saper affrontare a testa alta anche 4-5 avversari alla volta. Decisamente uno di quelli che possiamo inserire nella nostra rosa.

sov

Sasà Soviero

Il portierone è uno di quelli a cui teniamo di più. Paura di niente e di nessuno, grinta da combattente e animo caldo che aiuta ad affrontare anche le situazioni più ostiche. Sulla lealtà di Salvatore Soviero metteremmo la mano sul fuoco, e quindi, in una rissa, il gigante con i guantoni, se permettete, scegliamo di averlo con noi piuttosto che contro di noi.

davidsfight

Edgar Davids

Un altro olandese, imprescindibile. Il buon (ma non troppo) Edgar è garanzia di fedeltà. Per i suoi compagni e per le sue ragioni il Pitbull sarebbe disposto a morire. E poi, con quella faccia lì, al buon Edgar nessuno mai andrà a rompere le scatole.




mandzufight

Mario Mandzukic

Gomiti alti e coltellino nel calzettone: il croato, neoacquisto della Juventus, è uno degli interpreti moderni del ruolo. Dove c’è gazzarra c’è Marione. E spesso è proprio lui a scatenare il putiferio. Ce lo immaginiamo, fuori da una qualsiasi discoteca di una delle peggiori isole croate, con una birra in mano correre a fare a botte al grido di “Stavi guardando la mia ragazza”. Anche se non c’era nessuna ragazza. Da provare.

ibrarissa

Zlatan Ibrahimovic

Ok, forse Zlatan non è uno dei più facinorosi in questa lista da ergastolo. Ma il talento dello svedese, e la sua sacrosanta attitudine ad andare a cercar rogne, è qualcosa di cui non ci sentiamo di fare a meno. La possibilità di rifilare calci volanti in stile taekwondo a destra e a manca è l’arma in più di Ibra. E siamo abbastanza sicuri che, una volta entrato nella bagarre, sappia dire la sua.

tg

Stig Tofting & Thomas Gravesen

La coppia danese non è separabile: i due ceffi, con la loro andatura tracagnotta e l’aria perennemente adirata, vanno a braccetto. Uno mantiene, l’altro colpisce. Uno arriva alle spalle, l’altro colpisce frontalmente. Uno va in avanscoperta, l’altro copre le spalle. Con due tipacci del genere, possiamo andare a cercare rogna in ogni angolo del globo. E forse pure su qualche pianeta ancora sconosciuto.

skrtelfight

Martin Skrtel

Lo slovacco è una garanzia. Sguardo torvo e tatuaggi fino all’anima, e, soprattutto, un animus pugnandi di prim’ordine. Alla prima avvisaglia di guai, Martin è pronto a pararsi davanti all’avversario per proteggere e per offendere. Anche nei peggiori bar di Bratislava, con uno come Skrtel siamo praticamente certi che a nessuno verrà in mente di provare a darci fastidio.




aki1

Adebayo Akinfenwa

Ok, probabilmente è la persona più buona dell’universo. Ma anche l’occhio vuole la sua parte. Un gigante che incute timore alla sola vista è indispensabile in ogni rissa che si rispetti, e noi decidiamo di abbracciare questa corrente di pensiero. E, soprattutto, è anche probabile che, nel caso si incazzi, possa diventare pure abbastanza pericoloso. Noi, nel dubbio, eviteremmo.

pm9

Paolo Montero

Il buon Paolino è imprescindibile. Cattiveria, garra charrua e cattive maniere: l’uruguaiano è uno di quelli che in una rissa non si tirerebbe indietro nemmeno se l’avversario fosse l’Iran e la sua bomba atomica. E a noi tutto questo piace da matti.