I 12 bomber di Provincia del calcio italiano I 12 bomber di Provincia del calcio italiano
9. Arturo Di Napoli Nasce il 18 aprile 1974 a Milano, il suo nome è Arturo di Napoli da tutti ribattezzato Re Artù. Cresce... I 12 bomber di Provincia del calcio italiano

dinapoli_bomber

9. Arturo Di Napoli

Nasce il 18 aprile 1974 a Milano, il suo nome è Arturo di Napoli da tutti ribattezzato Re Artù.
Cresce nelle giovanili dell’Inter ma viene presto mandato a farsi le ossa ad Acireale ed in seguito al Gualdo militante nell’allora serie C1. Qui inizia a mettersi in mostra e fare ciò che poi lo ha reso celebre a tutti gli appassionati di pallone, valanghe di gol. Nel 95 ha l’opportunità di vestire una maglia prestigiosa, quella del Napoli, e non se la lascia sfuggire. Con la società partenopea Di Napoli in due stagioni raccoglierà 28 presenze condite da 5 goal. Re Artù assaggia i grandi palcoscenici del calcio italiano ma sono i campi delinquenziali di provincia ad esaltarlo maggiormente e a portarlo alla ribalta. Ne sanno qualcosa i tifosi Empoli, Venezia, Salernitana e Palermo. Ne sanno qualcosa soprattutto i giallorossi di Messina per i quali Re Artu è considerato alla stregua di un padre putativo. Nella società dello stretto, in 4 anni , Di Napoli realizza 43 reti e incanta tutti gli spettatori con le sue giocate. Terminata la prima parentesi messinese si ripete a livelli strabilianti a Salerno dove in due stagioni va a segno 34 volte. Scende una lacrimuccia nel constatare che purtroppo, signori miei, bomber così non ne fanno più.

chevanton

8. Ernesto Chevanton

Miglior marcatore di sempre della società giallorossa del Salento, Ernesto Javier Chevanton inizia la sua carriera nel Danubio ma presto spicca il volo per l’Europa. Insieme al compagno di mille battaglie Guillermo Giacomazzi approda in quel di Lecce nell’anno del Signore 2001. Nella sua prima incarnazione salentina in tre anni realizza la bellezza di 46 reti. Tecnica, dribling e finalizzazione. Per non parlare di quelle punizione che sembrano quasi telecomandate. Al Che non manca assolutamente nulla e grazie anche ad un cuore che fa provincia diviene fin da subito l’idolo di Via del Mare. Terminata la prima esperienza leccese prova le avventure a Monaco , Siviglia e Bergamo ma il profumo dell’aria di casa è troppo forte per essere ignorato. E la casa per Ernesto Chevanton è una e soltanto una, Lecce. Vi fa ritorno nel 2010 e, dopo una breve esperienza al Colon, nel 2012 quando  il presidente Tesoro gli propone una sorta di contratto a tempo indeterminato. Fin quando vorrai questa sarà la tua casa e noi saremo felici di accoglierti, da giocatore e poi da dirigente. In due occasioni si è riciclato come portiere, essendo stato espulso l’estremo difensore della squadra, dimostrando una volta di più un cuore grande come una casa. Ah dimenticavamo… per chiedere la mano ad una delle figlie di Pasquale Bruno servono anche due palle così.

scwh

7. Stefan Schwoch

Uno dei cannonieri più prolifici del calcio di provincia, e ha lasciato il segno da Nord a Sud, in quasi tutte le categorie del calcio professionistico. . Con i suoi 135 gol segnati in Serie B è uno dei marcatori più prolifici della storia del campionato cadetto. Il primo campionato di C2 lo gioca con la maglia della SPAL, ma non da punta, bensì da tornante. Nel 1994 passa al Livorno in C2, dove realizza 19 gol in 33 partite. Tra il 1995 e il 1997 realizza 29 gol con la maglia del Ravenna, e attira l’attenzione del Venezia.I suoi gol al Penzo guidano la risalita degli arancioneroverdi in serie A, dove Stefan può esordire alla veneranda età di 29 anni. Non segnerà però molto, e a gennaio del 1999 passerà al Napoli, in Serie B, dove ritroverà ancora una volta Walter Novellino. Segna 22 gol e contribuisce a riportare gli azzurri nella massima serie. Dopo una parentesi a Torino, Schwoch passa al Vicenza, dove chiuderà la carriera e diventerà una vera e propria icona. 74 i gol con la casacca biancorossa fino al 2008.

Related Posts

Alfredo Donnarumma: il mestiere del gol

2019-09-16 13:45:45
delinquentidelpallone

18

È arrivato il momento del tempo effettivo

2019-09-16 08:04:44
delinquentidelpallone

18

I tifosi del PSG sono arrabbiatissimi con Neymar

2019-09-14 10:06:06
delinquentidelpallone

18

La terza maglia 2019-20 dell’Atletico Madrid

2019-09-13 10:40:01
delinquentidelpallone

18

Le squadre più vincenti del mondo

2019-09-13 08:43:23
delinquentidelpallone

18

Paul Scholes è ancora in grado di fare passaggi del genere

2019-09-12 10:15:56
delinquentidelpallone

18

Il calciatore meno pagato della Serie A

2019-09-11 13:22:39
delinquentidelpallone

18

I 10 migliori giovani del 2019 secondo L’Equipe

2019-09-10 07:26:08
delinquentidelpallone

18

Le due regole che Fonseca ha imposto ai calciatori della Roma

2019-09-09 14:28:19
delinquentidelpallone

18

Previous page Next page