Ben Brereton è finito a giocare nel Cile quasi per caso Ben Brereton è finito a giocare nel Cile quasi per caso
Il percorso di qualificazione verso i prossimi Mondiali, per il Cile, negli ultimi mesi si è fatto decisamente più intricato, complicato e difficile, dopo... Ben Brereton è finito a giocare nel Cile quasi per caso

Il percorso di qualificazione verso i prossimi Mondiali, per il Cile, negli ultimi mesi si è fatto decisamente più intricato, complicato e difficile, dopo diverse sconfitte e altri incidenti di percorso.

Se la Roja, dopo il successo di qualche giorno fa contro il Paraguay, mantiene ancora qualche flebile speranza di raggiungere almeno il quinto posto che significa spareggio, lo deve anche a un ragazzo di 22 anni, alla sua settima apparizione con la maglia della nazionale, nato a Stoke on Trent, distanza da Santiago del Cile 11.650 chilometri, da coprire obbligatoriamente in aereo (o in nave, se muniti di stoica pazienza e di un pizzico di follia).

Già, perché il gol del vantaggio cileno contro il Perù è arrivato grazie a un bel diagonale dall’interno dell’area di rigore di Ben Brereton, attaccante del Blackburn.

Ben Brereton, però – anzi, Ben Brereton Diaz, ufficialmente da qualche mese anche per il mondo del calcio – è finito a giocare con la Roja un po’ per caso.

Fino al luglio del 2018, infatti, aveva giocato con le nazionali giovanili dell’Inghilterra, prima che qualcosa, anzi qualcuno, cambiasse il suo destino, almeno a livello calcistico.

Tutto è cominciato quando alcuni scout che lavoravano al popolarissimo videogioco manageriale calcistico Football Manager hanno notato il doppio passaporto di Brereton, visto che la madre ha origini cilene. Da quel momento, nell’edizione 2021 del gioco, l’attaccante del Blackburn è apparso nel gioco con la doppia nazionalità, circostanza che ha scatenato la curiosità e l’entusiasmo soprattutto dei tifosi cileni appassionati di Football Manager.

Da quel momento, è cominciata una vera e propria opera di convincimento virtuale nei confronti dell’attaccante: sotto quasi ogni suo post di Instagram, prosperavano le bandiere del Cile e le richieste di rendersi disponibile per la nazionale sudamericana. Uno streamer ha lanciato poi definitivamente una vera e propria campagna di reclutamento, e nell’estate scorsa Brereton ha finalmente deciso di accettare la convocazione della Roja per la Copa America disputata lo scorso giugno, in cui ha trovato anche il suo primo gol, quello nel match contro la Bolivia.

A volte il calcio, e la vita, prendono traiettorie del tutto imprevedibili. Anche grazie a un videogioco.