E’ inutile, inesplicabile e inevitabile. Di Mario Balotelli siamo destinati a parlare sempre, a torto o a ragione, morbosamente oppure no. E lui sembra...

E’ inutile, inesplicabile e inevitabile. Di Mario Balotelli siamo destinati a parlare sempre, a torto o a ragione, morbosamente oppure no. E lui sembra non fare niente per impedirci di farlo. SuperMario è sbarcato in Italia da pochissimo, e ha promesso di evitare nuovi colpi di testa per questa sua nuova avventura al Milan. 

E invece? Invece qualche giorno fa la Polizia Locale di Brescia ha ritirato la patente all’attaccante del Milan, colpevole di eccesso di velocità. L’infrazione si sarebbe verificata nei pressi dell’abitazione bresciana di Mario Balotelli, nelle vicinanze dello stadio Rigamonti. Nel tratto di strada in cui gli agenti erano appostati con il telelaser, il limite di velocità era di 50 km/h: la Lamborghini guidata dall’attaccante del Milan viaggiava invece a una velocità superiore ai 90 km/h, quindi è scattata in automatico la paletta dei vigili e il fermo immediato del veicolo, con la sospensione della patente di guida.

Laconico il commento di Mario, che non ha perso la pazienza e ha serenamente ammesso: “Non me ne ero accorto”. Insomma, non sappiamo se è colpa nostra che gli stiamo troppo addosso o chissà cosa, ma di Mario Balotelli siamo destinati a parlare in eterno, è una certezza.