In campo, si sa, possono saltare i nervi, ogni tanto, non diciamo di essere angioletti e ci siamo cascati tutti, almeno una volta. Una...

In campo, si sa, possono saltare i nervi, ogni tanto, non diciamo di essere angioletti e ci siamo cascati tutti, almeno una volta.

Una parola di troppo, un calcetto, una spinta, e in un attimo si arriva alle mani, con qualche compagno pronto a dividerci e l‘arbitro che arriva subito con i cartellini in mano.

Di solito, però, a farci innervosire sono gli avversari: in Francia, invece, ieri sera, è successo l’imponderabile.

L’Auxerre, squadra dal passato glorioso e oggi in Ligue 2, stava perdendo malamente sul campo del Quevilly, mentre la partita volgeva al termine.

All’81esimo minuto, con il pallone in gioco, due giocatori dell’Auxerre, il trequartista Mickael Barreto e il terzino Pierre Yves Polomat si fermano, si guardano e…cominciano a prendersi a ceffoni nel bel mezzo della partita.

Queste le immagini dell’incredibile accaduto.

Risultato: gli avversari devono intervenire a separare i due, mentre l’arbitro, da regolamento, non può fare a meno di espellere i due compagni di squadra, che lasciano la squadra in nove.

Un episodio che ha ricordato altri precedenti più famosi, come quello, per esempio, che vide protagonisti i due giocatori del Newcastle Lee Bowyer e Kieron Dyer, in una delle risse tra compagni di squadra più famose di sempre.

Non un bello spettacolo, ma quando arrivano i cinque minuti, un calciatore non guarda in faccia a nessuno…