Aritz Aduriz, il Re di Bilbao Aritz Aduriz, il Re di Bilbao
Segnare quattro gol al Barcellona non è da tutti. Segnarli nel giro di quattro giorni è roba da campioni. Segnare quattro gol al Barcellona... Aritz Aduriz, il Re di Bilbao

Segnare quattro gol al Barcellona non è da tutti. Segnarli nel giro di quattro giorni è roba da campioni. Segnare quattro gol al Barcellona e consegnare al proprio popolo una gioia attesa 31 anni è roba da eroi, da leggende. E’ roba da Aritz Aduriz Zubeldia.

L’ultimo trofeo alzato al cielo dall’Athletic Club risale alla stagione 1983-84, quando i Leones centrarono una storica doppietta, Liga e Coppa del Re. Due trofei, uno conquistato battendo la concorrenza del Real Madrid grazie alla differenza reti, l’altro sconfiggendo il Barcellona in una finale all’insegna della battaglia, una finale passata alla storia. Da quel 1984, quando l’Athletic si guadagnò (automaticamente) anche la Supercopa, i biancorossi non hanno più vinto nulla, in una Liga che piano piano è diventata esclusiva del potere centrale, di Madrid, di Barcellona. I trofei erano diventati roba per ricchi, non per i popoli baschi che aspiravano all’indipendenza ma sognavano di battere, sul prato verde, gli odiati rivali, che fossero sportivi o politici poco importava.

Almeno fino al 2015. Almeno fino a questa pazza settimana, in cui Aritz Aduriz ha deciso di elevarsi da Re di Bilbao a leggenda, a Santo pagano del popolo basco. Con una tripletta al San Mamés ha steso per la prima volta il Barcellona, con il gol dell’1-1 al Camp Nou ha regalato ai Leones la certezza della vittoria nel doppio confronto, in una Supercopa che, con le regole del 1984 neanche si sarebbe dovuta giocare, visto che il Barcellona aveva vinto sia la Liga che la Copa del Rey. E invece, 31 anni dopo, quei quattro gol del Leone Aduriz hanno riscritto la storia. Hanno spinto nuovamente a terra Golia, con una fionda basca caricata a pallettoni dal centravanti di San Sebastian.

In un calcio che esalta il gioco veloce, rapido, moderno. in un calcio che ai nueve veri preferisce i falsi nueve, Aritz Aduriz rappresenta la vittoria di un calcio antico, dal sapore vero. Un calcio in cui il centravanti può ancora fare il centravanti, sgomitare, lottare, andare a incornare di testa come solo lui sa fare. D’altronde, se le tradizioni non si portano avanti in Biscaglia, non si portano avanti da nessuna altra parte. La storia di Aduriz è particolare. Come tutti i prodotti della cantera dell’Athletic arriva alla prima squadra, si conquista il suo posto a suon di reti e poi, nel 2008, viene venduto al Maiorca. Sembrava una storia destinata a finire così, senza il lieto fine, e invece Aritz Aduriz nel 2012 è tornato a casa sua, a Bilbao. E’ tornato a indossare la sua seconda pelle, la casacca biancorossa del Leones, e con quella casacca è rinato, si è riscoperto gladiatore, è tornato a segnare valanghe di gol. Ma soprattutto è tornato a farlo per la sua gente.

Anche oltre i 30 anni, anche con i 18, incredibili gol della scorsa stagione, che lo hanno incoronato miglior marcatore spagnolo (non ditelo a lui, spagnolo, mi raccomando) della Liga. Anche a 34 anni, in un afoso agosto di Supercopa. Un afoso agosto che è stato segnato dalle 4 reti del centravanti che, contro la squadra che del falso nueve ha fatto una religione, ha fatto riscoprire alla gente basca il sapore della vittoria, il gusto del trionfo contro il nemico, il gigantesco Golia. E chissà che sul fiume Nervión non torni a scorrere una barca, con un milione di persone sulle due sponde, con l’Athletic in trionfo. Una barca guidata dal suo Leone, da Aritz Aduriz.

Valerio Nicastro
twitter: @valerionicastro

Related Posts

Il rigore da padrone battuto da Aduriz

2018-12-22 20:55:57
pagolo

18

La stagione da incubo dell’Athletic Bilbao

2018-12-05 15:39:43
delinquentidelpallone

18

Aritz Aduriz, la leggenda di Bilbao

2016-03-03 11:02:12
delinquentidelpallone

18

Athletic Bilbao, quando il calcio è l’anima della gente

2014-08-27 13:09:53
delinquentidelpallone

18

Il capitano della nazionale USA femminile e Trump hanno litigato

2019-06-26 17:09:06
delinquentidelpallone

8

7 giovani della Ligue 1 che sono pronti per il grande salto

2019-06-26 13:05:51
delinquentidelpallone

8

Chi è Edoardo Vergani, la contropartita dell’Inter per Dzeko

2019-06-26 09:40:15
delinquentidelpallone

8

Altri 10 giocatori che torneranno alla Juventus dopo Buffon

2019-06-26 08:07:22
delinquentidelpallone

8

I quarti di finale della Gold Cup saranno meravigliosi

2019-06-26 07:21:51
delinquentidelpallone

8

Oggi è cominciata la Champions League

2019-06-25 20:53:01
delinquentidelpallone

8