Anche la VAR può sbagliare clamorosamente: ecco la dimostrazione… Anche la VAR può sbagliare clamorosamente: ecco la dimostrazione…
In questi giorni si è fatto un gran parlare della VAR: a partire dall’anno prossimo, infatti, la tecnologia sarà impiegata anche in Serie A.... Anche la VAR può sbagliare clamorosamente: ecco la dimostrazione…

In questi giorni si è fatto un gran parlare della VAR: a partire dall’anno prossimo, infatti, la tecnologia sarà impiegata anche in Serie A.

La VAR è stata pensata per aiutare i direttori di gara e per rendere più semplice prendere decisioni controverse.

In linea teorica, entro pochi secondi, l’arbitro, nel caso in cui dovesse fare ricorso al video, avrebbe la risposta ai suoi dubbi: il che, sempre in linea teorica, dovrebbe assicurare che vengano prese sempre le decisioni giuste ed eliminare polemiche e illazioni.

Tutto giusto? Non proprio, perché, a quanto pare, anche la VAR può sbagliare.

Guardate un po’ cosa è successo oggi, nella semifinale del campionato australiano, la A-League, tra Sydney FC e Perth Glory.

L’arbitro, dopo aver rivisto le immagini con la tecnologia video (già impiegata in Australia) ha deciso di assegnare comunque un gol molto controverso al Sydney FC: come si vede dalle immagini, il calciatore in fuorigioco, però, ostacola in maniera abbastanza palese l’avversario, e pur non toccando la palla partecipa all’azione.

La decisione giusta, in questo caso, dopo aver rivisto le immagini, sarebbe stata quella di annullare il gol. E sembrava evidente a tutti, dopo aver visto il replay.

Invece, nonostante l’ausilio della VAR, è stato preso un granchio abbastanza colossale, che ha scatenato comunque le proteste della squadra che ha subito il gol.

Insomma, siamo così sicuri che la tecnologia possa aiutare a mettere a tacere una volta per tutte le polemiche? Forse, in realtà, il calcio è destinato a rimanere uno sport controverso in tutto e per tutto…

Related Posts