Alvaro Morata, un gol che sa di addio Alvaro Morata, un gol che sa di addio
Un gol non vuol dire sempre tutto, eppure ci sono dei gol che significano più di altri gol. Vuoi per il momento, perchè un... Alvaro Morata, un gol che sa di addio

Un gol non vuol dire sempre tutto, eppure ci sono dei gol che significano più di altri gol. Vuoi per il momento, perchè un gol che arriva nei supplementari è quasi sempre, per sua natura, un gol pesante. Vuoi perchè arriva in una finale. Una finale di un trofeo che non sarà la Coppa più ambita della stagione, ma quando arrivi lì a giocartela, poi, non vuoi mai perderla.

E poi ci sono gol che significano più di altri, perchè rappresentano tutte quelle cose, insieme, e perchè si portano dietro anche altri significati. Come il gol segnato da Alvaro Morata nella finale di Coppa Italia, il gol che consegna la seconda Coppa Italia consecutiva alla Juventus. Il gol che forse è l’ultimo che l’attaccante spagnolo ha messo a segno con la maglia bianconera, viste le voci sempre più insistenti di un suo ritorno alla casa madre del Real, o comunque di un suo futuro lontano da Torino.

Un gol pesante. Al primo pallone toccato, appena entrato, in una stagione comunque difficile. Ricca di soddisfazioni, ma comunque difficile, Visto che la coppia titolare era diventata Mandzukic-Dybala, visto che il gol scudetto l’ha segnato probabilmente Simone Zaza. L’anno scorso, di questi tempi, Alvaro Morata segnava gol pesanti in semifinale e poi in finale di Champions League. Anche se poi alla fine quello ai catalani nella finale di Berlino non era servito a molto, di questi tempi, 12 mesi fa, era lui l’uomo immagine della Juventus.

mrt1

In una stagione difficile, stasera Morata si è ripreso il palcoscenico consegnando la Coppa Italia ai bianconeri, entrando dalla panchina. Perchè, anche stasera, la coppia titolare era Mandzukic-Dybala. Non un gol impossibile, soprattutto per uno come lui. Ma di certo non era scontato farsi trovare al posto giusto al momento giusto, per metterlo in rete quel pallone.

Di sicuro, è un gol che significa qualcosa. Un gol al primo pallone toccato in quella che quasi sicuramente era l’ultima partita in maglia bianconera. Se Alvaro Morata doveva salutare i suoi tifosi, non poteva scegliere un modo migliore.

Valerio Nicastro
twitter: @valerionicastro

Related Posts

Il gran gol di George Puscas contro il Cardiff

2019-08-20 10:17:44
delinquentidelpallone

18

Quando Cristian Pasquato segnò 6 gol con la maglia della Juve

2019-08-14 09:43:05
delinquentidelpallone

18

10 gol che poteva segnare solo Roberto Carlos

2019-08-08 14:29:04
delinquentidelpallone

18

Radja Nainggolan potrebbe rimanere in Serie A

2019-07-25 09:52:47
delinquentidelpallone

18

La balordissima simulazione di Gabigol

2019-07-11 07:08:09
delinquentidelpallone

18

Il gol pazzesco di Wayne Rooney contro l’Orlando City

2019-06-27 08:27:30
delinquentidelpallone

18

I quarti di finale della Gold Cup saranno meravigliosi

2019-06-26 07:21:51
delinquentidelpallone

18

Il gol più bello dei Mondiali del 2006

2019-06-25 16:57:40
delinquentidelpallone

18