Se in Italia il calciomercato invernale non sta vedendo grandissimi movimenti – anche se pare che ormai sia fatta per il trasferimento di Dzeko...

Se in Italia il calciomercato invernale non sta vedendo grandissimi movimenti – anche se pare che ormai sia fatta per il trasferimento di Dzeko ed Emerson Palmieri al Chelsea – in Inghilterra sembrano già aver sparato dei botti belli grossi.

Dopo diversi mesi di tira e molla non esattamente comprensibili ai più, l’Arsenal ha deciso di cedere il cileno Alexis Sanchez, e ad accaparrarselo sarà, al 99,9%, il Manchester United.

Nella giornata di ieri circolavano le prime immagini, che mostravano Sanchez sul terreno di gioco dell’Old Trafford, con la maglia dei Red Devils addosso, intento a scattare le prime foto.

E, proprio quella maglia, sarà oggetto di una piccola maledizione da sfatare.

Sanchez, infatti, dovrebbe indossare, secondo quanto trapelato proprio dalle foto circolate ieri, la maglia numero 7, quella che al Manchester United è stata indossata da delle vere e proprie leggende: da George Best, forse il più iconico, passando poi per Bryan Robson, Eric Cantona, David Beckham e, recentemente, Cristiano Ronaldo.

Ma, proprio da quando Cristiano Ronaldo se l’è tolta dalle spalle per andare a vincere tutto con il Real Madrid, la maglia numero 7 dei Red Devils è diventata una piccola maledizione.

Embed from Getty Images

Quando Ronaldo, nel 2009, è andato in Spagna, la numero 7 è finita infatti sulle spalle di Michael Owen, che non ha fatto proprio faville. A seguire, nel 2012, è andata ad Antonio Valencia, mentre gli ultimi due ad averla indossata sono arrivati con grandi aspettative e se ne sono andati con l’etichetta di “flop” addosso.

Stiamo parlando di Angel Di Maria, che ha indossato la maglia numero 7 dello United nel 2014-15, e di Memphis Depay, l’ultimo ad averla indossata prima di lasciarla vacante, appunto, in questi primi mesi della stagione 2017-18.

Insomma, ad Alexis Sanchez toccherà anche il compito di sfatare questa piccola maledizione e ridare dignità e fascino a una maglia storica e leggendaria.