Abramovich è pronto a vendere il Chelsea (a due spiccioli, proprio) Abramovich è pronto a vendere il Chelsea (a due spiccioli, proprio)
In campionato, la squadra di Maurizio Sarri si sta comportando piuttosto bene, anche se domenica scorsa è arrivato il primo stop stagionale, uno 0-0... Abramovich è pronto a vendere il Chelsea (a due spiccioli, proprio)

In campionato, la squadra di Maurizio Sarri si sta comportando piuttosto bene, anche se domenica scorsa è arrivato il primo stop stagionale, uno 0-0 contro il Newcastle.

Fuori dal campo, invece, per il  Chelsea le cose non sono tutte rose e fiori, se proprio vogliamo dirla tutta.

La situazione di tensione internazionale tra Russia e Gran Bretagna, infatti, sta rendendo la vita difficile anche a molti imprenditori russi, che stanno avendo grandi difficoltà a farsi rinnovare il visto e che si vedono quindi costretti a fare veri e propri salti mortali per portare avanti le loro aziende e le loro attività.

Tra gli imprenditori russi che stanno subendo questa situazione, c’è anche Roman Abramovich, che avrebbe quindi deciso – secondo le indiscrezioni di Bloomberg – di cercare un acquirente per il Chelsea.

A quanto pare, il magnate russo avrebbe già ricevuto offerte sostanziose per cedere tutte le quote dei Blues, ma avrebbe rifiutato già cifre intorno ai 2 miliardi di sterline. Il prezzo che Abramovich chiederebbe per lasciare la squadra si aggirerebbe infatti intorno ai 3 miliardi di sterline.

Nel 2003 Abramovich aveva rilevato il Chelsea, all’epoca in difficoltà economiche, per circa 140 milioni di sterline, e a distanza di 15 anni, anche grazie ai soldi investiti dalla sua gestione, i Blues navigano in acque decisamente migliori.

Che dire: se qualcuno vorrà farsi avanti, il prezzo è fatto. Bisognerà solo trovare chi è disposto a liberarsi di 3 miliardi di sterline…