Abbiamo visto in anteprima i quarti di finale di Champions League Abbiamo visto in anteprima i quarti di finale di Champions League
Oggi, a Nyon, sono stati sorteggiati gli accoppiamenti dei quarti di finale di Champions League. Purtroppo per il calcio italiano, non siamo riusciti a... Abbiamo visto in anteprima i quarti di finale di Champions League

Oggi, a Nyon, sono stati sorteggiati gli accoppiamenti dei quarti di finale di Champions League. Purtroppo per il calcio italiano, non siamo riusciti a piazzare la Juventus nell’urna delle ultime e magnifiche 8 del torneo più prestigioso d’Europa, e ci siamo dovuti accontentare di guardare quello che succedeva con olimpico distacco.

Il sorteggio ha tirato fuori quattro partite piuttosto interessanti. E noi, non possiamo dirvi nè come nè perchè sia successo, siamo venuti già a sapere come finiranno queste partite. E ve le raccontiamo per filo e per segno.

Non fatene parola con NESSUNO.

rnld

Wolfsburg-Real Madrid

Partita d’andata in Germania parecchio movimentata. Il Real Madrid sbaglia a impostare l’indirizzo della Volkswagen-Arena sul navigatore del bus, e all’improvviso si ritrova a Brema. Qualcuno si convince per davvero di dover giocare contro il  Werder, poi Modric riesce a far capire tutto e il bus del Real si dirige a tutta velocità verso Wolfsburg, dove arriva giusto in tempo per scendere in campo.

I Blancos però sono freddi e distrutti psicologicamente, il primo tempo è un massacro. Draxler fa il fenomeno, si inventa una doppietta e ispira il 3-0 di Caligiuri, uno scorpione di tacco in area di rigore. Keylor Navas, uno che crede parecchio in Dio, si fa dare il numero di telefono di Gigi Buffon per farsi dare qualche lezione di smadonnamento. Nell’intervallo il Real si aggiusta, ma il Wolfsburg si chiude a riccio dietro. Al 90′ Cristiano Ronaldo trova con una mina da 90 metri il gol della speranza. Finisce 3-1 per il Wolfsburg.

Il ritorno a Madrid si preannuncia focoso. Il Wolfsburg arriva al Bernabeu e prova a entrare con il bus sul terreno di gioco. Solo l’intervento delle forze dell’ordine impedisce che l’autista riesca a parcheggiarlo sulla linea di porta. Il Real si lancia all’attacco, i tedeschi sono arroccati come su una fortezza medievale. Casteels para 3 rigori a Cristiano Ronaldo nei primi 15′, concessi da un generoso arbitro mandato a Madrid con una missione ben precisa.

Il Wolfsburg si ritrova all’intervallo con tutta la squadra ammonita, e intorno alla mezzora del secondo tempo è ridotto in 8 da 3 tragicomiche espulsioni. Negli ultimi 10 minuti Ronaldo segna due gol nel mezzo del nulla e festeggia con tracotanza. Il pubblico del Bernabeu, che notoriamente non capisce nulla della vita, esulta come se avesse assistito all’impresa del millennio. 2-0 per il Real che passa alle semifinali.

Il giorno dopo Angela Merkel ordina l’invasione della Spagna.

Next page