5 alternative all’utilizzo del VAR 5 alternative all’utilizzo del VAR
L’ultima domenica calcistica è stata decisamente complicata, dal punto di vista arbitrale. Una serie di errori di valutazione e interpretazione, su diversi campi, ha... 5 alternative all’utilizzo del VAR

L’ultima domenica calcistica è stata decisamente complicata, dal punto di vista arbitrale.

Una serie di errori di valutazione e interpretazione, su diversi campi, ha lasciato scontenti tantissimi allenatori, giocatori, tifosi, presidenti: insomma, è stata una vera e propria domenica nera, per tanti motivi.

Al centro delle polemiche, come inevitabile che fosse (noi, un’idea l’avevamo già data nel mese di agosto) è finita la tecnologia, con il VAR finito immediatamente al centro delle discussioni.

Sono stati in tanti che hanno criticato l’utilizzo improprio della tecnologia video in questo fine settimana, e gli errori fatti dagli arbitri nonostante avessero a disposizione l’ausilio delle immagini. Proprio per questo motivo, siccome siamo gente che ama guardare avanti, guardare al futuro, abbiamo deciso di mettere in campo diverse ipotesi per superare il VAR e portare l’arbitraggio dei match di calcio veramente nel futuro.




E, soprattutto, per eliminare tutte le polemiche: ecco quindi le nostre 5 alternative al VAR.

1. La giuria popolare e il televoto

Un solo arbitro non basta, e soprattutto non è per niente democratico. Anzi, cosa c’è di peggio che lasciar prendere le decisioni a un solo uomo, anche se aiutato da assistenti e dalla tecnologia video?

Quindi, la nostra proposta è semplice, anzi ne facciamo anche due, tra le quali si potrà scegliere la più adatta. La prima è quella di mettere, a bordocampo, una giuria popolare composta da cinque persone sorteggiate a caso tra i possessori della Tessera del Tifoso, che potrà quindi decidere su tutto quello che succede in campo.

La seconda ipotesi, invece, è ancora più moderna e democratica: permettere a tutti i telespettatori, comodamente dal divano di casa, di usare il televoto per valutare tutte le decisioni dubbie delle partite di Serie A. Ha funzionato per X-Factor e Sanremo, vuoi che non funzioni per decidere se il gol del Crotone è in fuorigioco o meno?

Embed from Getty Images

2. Mettere in campo un arbitro per ogni giocatore

Anche se assistito dal VAR, l’arbitro deve controllare troppe cose. Per cui, la soluzione migliore, secondo noi, potrebbe essere quella di mettere in campo un arbitro per ognuno dei 22 uomini in campo, e poi mettere altrettanti guardalinee a bordocampo (tanto riescono a distribuirsi in 11 sulla linea laterale, è lunga).

Con 22 arbitri in campo, ognuno dovrebbe controllare un solo giocatore, e potrebbe quindi concentrarsi meglio. Poi, naturalmente, nel caso di un contrasto dubbio in area di rigore, i due arbitri addetti al controllo dei giocatori coinvolti potrebbero confrontarsi sulla loro versione dei fatti.

Se non basta, possiamo continuare anche a usare il VAR. L’importante, ovviamente, è che in sala VAR ci sia sempre un arbitro che segua la camera dedicata a un solo giocatore. Effetto collaterale: dal momento che, facendo i conti, servirebbero circa 660 tra arbitri e assistenti ogni weekend, la disoccupazione potrebbe calare di qualche punto percentuale.

Embed from Getty Images

3. Far arbitrare tutte le partite a Carmine Russo di Nola

La soluzione in esame è semplicissima.

Richiamare in servizio Carmine Russo di Nola, conferirgli tutti i poteri, e fargli arbitrare ogni singola partita del campionato di Serie A. Questo potrebbe richiedere di diluire le partite su tutti i giorni della settimana, all’insegna del campionato spezzatino, ma garantirà il rispetto totale dell’autorità arbitrale e la correttezza totale delle decisioni prese in campo.

E chi protesta, si prende pure due ceffoni.




4. Introduzione dell’arbitro virtuale

L’idea è quella di studiare un sistema che riesca ad adattare l’utilizzo degli arbitri delle simulazioni calcistiche (FIFA, PES, volendo anche Football Manager) alle partite vere.

Dunque, gli arbitri dei videogiochi verrebbero impiegati per arbitrare le partite vere, e, non essendo presenti sul posto, calerebbero immediatamente anche le proteste. Affidarsi totalmente all’intelligenza artificiale eliminerà quindi ogni polemica su possibili complotti, corruzioni e quant’altro.

Embed from Getty Images

5. L’anarchia

Ultima proposta, drastica ma di sicuro impatto. Eliminazione totale dell’arbitro, autogestione, eliminazione totale del regolamento e imposizione della legge del più forte. Chi reclama con maggior vigore i propri diritti, anche con l’uso della forza, si impone sugli altri.

Un po’ duro, ma potrebbe riservare clamorose sorprese.

Related Posts

Guardiola, che polemica contro la Premier!

2017-01-03 11:16:50
delinquentidelpallone

1

10 buoni motivi per delinquere (anche) su Football Manager

2015-10-22 12:01:32
delinquentidelpallone

1

10 cose che abbiamo imparato dal miracolo del Leicester

2016-05-04 10:47:09
delinquentidelpallone

1

Estudiantes-Gimnasia: rissa clamorosa e partita sospesa

2016-02-01 09:27:54
delinquentidelpallone

1

Nostalgia Canaglia: Eupremio Carruezzo

2015-04-24 12:00:51
delinquentidelpallone

1

Non così, Leo

2016-06-28 09:31:02
delinquentidelpallone

1

Marco Verratti, il peso di un’eredità

2015-10-12 13:18:32
delinquentidelpallone

1

Euro 2016: una giornata delinquenziale

2016-06-11 20:59:14
delinquentidelpallone

1