10 luglio 2016: nella notte di Parigi si scrive una delle pagine più sorprendenti degli ultimi anni di calcio. La Francia, padrona di casa,...

10 luglio 2016: nella notte di Parigi si scrive una delle pagine più sorprendenti degli ultimi anni di calcio.

La Francia, padrona di casa, super favorita, veniva stesa dal Portogallo che, a inizio partita, aveva perso il suo trascinatore, Cristiano Ronaldo, frenato da un infortunio che lo aveva tolto dalla contesa.

L’eroe del trionfo lusitano a Euro 2016 era stato un illustre sconosciuto, almeno ai piani alti del grande calcio: un carneade che aveva deciso di iscriversi alla recita dell’atto più importante, la finale continentale.

Il gol di Éderzito António Macedo Lopes, attaccante che faticava a trovare posto anche al Lille, aveva consegnato gli Europei al Portogallo: l’eroe più improbabile nella notte più importante.

Ma, 12 mesi dopo, che fine ha fatto Eder?

Nel corso della scorsa stagione, per lui, al Lille, non c’è stata grande fortuna: 6 gol in 31 partite, con anche l’aggiunta dei tanti fischi presi in giro per la Francia, dove i tifosi transalpini non perdevano occasione di fargli pesare quel gol in finale agli Europei.

Oggi, se possibile, a Eder è andata ancora peggio: al Lille è infatti arrivato Marcelo Bielsa, che ha immediatamente chiesto di fare pulizia nella rosa, facendo una specie di lista di giocatori sgraditi che non rientrano nel suo progetto tecnico.

Tra questi, appunto, anche l’attaccante portoghese, che ora, a 30 anni, dovrà trovarsi una nuova squadra. E non è garantito che sia facile trovarla…