10 stratagemmi per sfangarla anche nella vita quotidiana 10 stratagemmi per sfangarla anche nella vita quotidiana
La vita sta diventando sempre più difficile. Lavoro, studio, famiglia, rapporti interpersonale. Qualsiasi cosa è una fatica continua, una interminabile lotta con il prossimo... 10 stratagemmi per sfangarla anche nella vita quotidiana

La vita sta diventando sempre più difficile. Lavoro, studio, famiglia, rapporti interpersonale. Qualsiasi cosa è una fatica continua, una interminabile lotta con il prossimo per arrivare a sera senza farsi fracassare l’anima. Ed è per questo che abbiamo deciso di provare a fare, nella vita, esattamente come facciamo sul prato verde. Abbiamo deciso di spiegarvi come fare a sfangare la vostra esistenza in maniera invereconda, come dribblare le incombenze e le rotture di scatole di colleghi, superiori, mogli, figli.

Abbiamo provato, in 10 mosse a spiegarvi come si fa a vivere come la più becera delle squadre di provincia al Bernabeu. Abbiamo provato a dirvi come si può fare per sfangare la vostra vita. E portare a casa l’uno a zero in contropiede dopo aver subito 15 tiri in porta.

1. Incolpare sempre il tuo prossimo

Puntare il dito è una delle cose migliori che si possa fare per sviare l’attenzione quando abbiamo combinato qualche disastro. Soprattutto in ambito lavorativo, ci sarà sempre qualche collega mal sopportato al quale dare la colpa, comportandosi da veri e propri delinquenti. I problemi sorgono quando scegliete la persona sbagliata e vi ritrovate in mutande in mezzo a una strada. Sono i rischi del mestiere.

2. Fare i vaghi e negare l’evidenza

Chi, io? Cosa? Ah? Ma di che stai parlando? Amore, ma a cosa ti riferisci? Quale messaggio di Jennifer? Chi Jennifer? Che messaggio? Che telefono? Ho un telefono? Davvero? Ma hai visto che bella giornata? Ma andiamo al mare in questi giorni? Ma una cenetta solo noi? Chi? Io? Amore, ma cosa dici?

A lungo andare, però, rischiate di prendere gli schiaffi. E’ una tecnica particolarmente insidiosa se non siete dotati di grande fantasia, inventiva e senso di responsabilità.

3. Prendere tempo

Se vi chiedono di fare qualcosa, dite che bisogna prima verificare i dettagli. Chiedere l’autorizzazione a qualcuno. Controllare se è fattibile. Insomma, non fatevi mai, mai, mai e poi mettere con le spalle al muro da qualcuno che vi chiede qualcosa. Non dite mai che si può fare “ora”. Ora, come vedremo nel prossimo punto, è una parola che nel vocabolario del delinquente che deve sfangare la sua esistenza SEMPLICEMENTE NON ESISTE.

4. Rimandare il più possibile ogni tipo di incombenza

Non rimandare a domani quello che puoi fare dopodomani. Per quale oscuro motivo dovete portare a compimento proprio oggi quella faccenda? Non c’è fretta. Rimandate, sempre e comunque. Anche se potete farlo adesso e togliervi il pensiero. Nulla sarà mai come il dolce pensiero di un rinvio, come se fosse una spazzata che, lenta e silenziosa, vola via verso l’iperspazio. Sarà bellissimo andare a dormire e sapere che il pensiero di quell’incombenza sarà rimandato. Non oggi, non domani. Poi, quando saremo con le spalle al muro, bestemmieremo forte. Ma pazienza.

5. Ostentare sicurezza

Mai farsi vedere deboli. Non aspettano altro. Vogliono vedere prede sulle quali avventarsi. No, voi ostentate sempre e soltanto sicurezza. Anche quando non ne avete, anche quando siete totalmente incoscienti di quello che state facendo. Loro, là fuori, devono essere convinti che voi siete i migliori e che siete ben consapevoli di ciò. Tanto, quando se ne accorgeranno, noi saremo già lontani.

6. Distogliere l’attenzione

Se per caso, per puro caso e per maledizione, qualcuno sta per incolparvi di qualcosa, sta per assegnarvi un compito o sta per chiedervi qualcosa, spostate IMMEDIATAMENTE l’attenzione. Non importa se bisogna anche simulare un infortunio nel bel mezzo di una riunione di lavoro. Vale tutto, e pur di non finire implicati in qualche impiccio, bisogna anche farlo con ottima scelta di tempo. Da professionisti.

7. Avere una parola ad effetto per ogni occasione

La citazione ad effetto spiazza sempre tutti. Vi mette su un piedistallo dal quale guardare gli altri e osservare la vostra vittoria. Portarsi sempre dietro la citazione giusta di Schopenhauer, Sun Tzu o Eduardo Galeano vi garantirà il successo immediato. Perchè le parole degli altri valgono sempre il doppio e funzionano come una sorta di riconoscimento morale del vostro valore.

8. Buttarla in caciara

Il benaltrismo è stato la rovina di questo Paese. Per cui è cosa buona e giusta, ogni volta che è possibile, buttare in caciara un discorso che stava per andare a finire verso di voi, che stava per trasformarsi in un’accusa nei vostri confronti. Per cui, buttarla in caciara spostando il discorso su cose che non c’entrano nulla, possibilmente incolpando politica e governanti, è sempre qualcosa che funziona. Gridate forte per sostenere meglio le vostre tesi.

9. Rigirare la frittata

La morale non cambia. La colpa non è mai vostra. Sempre di qualcuno che non siete voi. Non importa se è il vostro collega, il vostro vicino o il Padreterno. Rigirare la frittata è un ottimo modo per giocare a scaricabarile. I più bravi riescono a cambiare in questo modo situazioni a loro sfavorevoli in grandi vittorie, semplicemente utilizzando 3-4 parole al posto giusto.

10. Aspettare che passi

Se non siete riusciti ad evitare l’incombenza, se vi hanno incastrato, se vi hanno dato la colpa, se vi hanno scoperto, se vi siete fatti beccare, se avete ceduto. Nessun problema, nessuna paura. Tutto passa, e prima o poi si dimenticheranno di tutto e potrete tornare a sopravvivere come avete sempre fatto.

Related Posts