E’ stata una settimana piuttosto movimentata, che, nel mezzo, vedeva la ripresa della Champions League – purtroppo per noi senza squadre italiane impegnate- che...

E’ stata una settimana piuttosto movimentata, che, nel mezzo, vedeva la ripresa della Champions League – purtroppo per noi senza squadre italiane impegnate- che ripartiva dai quarti di finale.

Sono state quattro partite che hanno avuto, ciascuna a suo modo, parecchie cose da dire. E dalle quali abbiamo imparato sempre qualcosa di nuovo. Abbiamo cercato di sintetizzare per voi, in 10 punti, quello che di hanno lasciato le quattro gare di andata dei quarti di finale di Champions League.

1. Fernando Torres non aveva voglia di correre per tutti i 90 minuti.

Così ha pensato bene di condensare la sua partita in 30 minuti. Gol che tiene vive le speranze dell’Atletico e doppio giallo che avrà fatto felice Simeone.

2. Luis Suarez non ha alcuna intenzione di smettere di delinquere.

Chiedere per informazioni a Juanfran.

Il Cholo, comunque, l’ha presa bene.

3. Però, in definitiva, è un fenomeno.

4. Al tedesco Brych è venuto un crampo alla mano a furia di tirare fuori cartellini gialli.

E comunque Gabi che non è riuscito a farsi ammonire deve solamente vergognarsi.

5. Il Bayern Monaco andava piuttosto di fretta.

Poteva finire 15-0, si sono fermati a uno. Comunque, quando Vidal ha segnato, a Barcellona le squadre non erano ancora scese in campo.

6. I soldi non comprano la felicità.

E nemmeno giocatori decenti, visto che PSG-City è stata la sagra delle difese imbarazzanti.

Il gol di Ibra è il classico gol che fate a Fifa quando il vostro avversario preme la X troppo in fretta sul rinvio del portiere.

Però perlomeno Aurier ve lo aveva detto che vi odiava tutti, eh.

7. David Luiz è entrato nella storia della Champions League.

Anche se potrebbe entrare anche nella storia dell’umanità, come i cinquanta milioni peggio spesi da quando sono comparse le prime forme di vita sulla Terra.

8. Zlatan Ibrahimovic è mortale

Ibra è proprio come noi. Anche lui può sbagliare i calci di rigore. Anche se Joe Hart si è probabilmente slogato un polso per prenderlo.

9. Il Real ha fatto una figuraccia, ma Marcelo ha fatto una prestazione favolosa

Peccato che fosse Champions League, non la notte degli Oscar.

10. Cristiano Ronaldo aveva una voglia matta di scambiare la maglia con Vieirinha.

Però magari dopo, eh?